Tutte 728×90
Tutte 728×90

«Cosenza è il posto giusto per Kone. E’ una mezzala alla Nainggolan»

«Cosenza è il posto giusto per Kone. E’ una mezzala alla Nainggolan»

A presentare il nuovo acquisto del Cosenza, è chi lo ha lanciato nella Primavera del Toro. Il tecnico Coppitelli su Kone: «Pronto per la B»

Stefano Trinchera ha rinforzato il centrocampo rossoblù ingaggiando Ben Lhassine Kone, classe 2000, lo scorso anno sorpresa della Primavera del Torino. Kone ai granata arrivava dopo la militanza nei dilettanti sotto le insegne della Vigor Perconti. Federico Coppitelli, attuale guida tecnica dell’Imolese (squadra del girone B di Serie C), dell’ivoriano è stato l’allenatore che lo ha lanciato negli ultimi due campionati giovanili. Insieme hanno vinto una Coppa Italia Primavera ed una Supercoppa Primavera. Da lui ci siamo fatti spiegare il personaggio di Kone. 

Coppitelli, ci presenta il profilo di Ben Lhassine Kone?
«Kone è un centrocampista con delle doti fisiche importanti, delle buone qualità tecniche. Sicuramente deve maturare in questo passaggio a Cosenza, dove può far molto bene. Può giocare sia come interno, sia come trequartista. E’ un giocatore che è pronto per la categoria». 

A livello fisico-atletico di che calciatore parliamo?
«Parliamo di un calciatore che a livello fisico e di forza è un top. Forte, esplosivo, con buone capacità di gioco nelle gambe. Tecnicamente è bravo, deve, però, migliorare nelle capacità di scelta e, in generale, nella maturità sua personale. Cosenza è il posto giusto per lui. Non va dimenticato che, questo ragazzo, pochi anni fa giocava nei dilettanti».

L’ex tecnico della Primavera del Torino, Coppitelli

Al Toro Primavera come lo faceva giocare?
«Nel primo anno ha giocato nella trequarti di campo. L’anno scorso ha fatto principalmente l’interno». 

A Cosenza giocherà da mezzala. 
«E’ il suo ruolo naturale. Poi lui è, pure, un trequartista di inserimento, un po’ alla Nainggolan, ma rende di più come interno di centrocampo».

Realisticamente che cosa ci si può aspettare da Kone? 
«Difficile dirlo. Ben è imprevedibile. Nel senso che lui venne al Toro come una scommessa, dai dilettanti, ma fece un ottimo campionato in Primavera…».

Ha giocato, lo scorso anno, 27 partite con 4 goal e 4 assist…
«Lui si è saputo calare all’interno della squadra, conquistando il posto da titolare con merito. Fece molto bene ed era quasi impronosticabile data la sua provenienza». (Giulio Cava)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it