giovedì,Agosto 18 2022

Nove anni di carcere per l’imprenditore vicino a Matteo Messina Denaro

Condanna pesante per il “Re” dell’eolico, Vito Nicastri, accusato di aver favorito la latitanza del super boss di Cosa Nostra, Matteo Messina Denaro. Oggi la sentenza in abbreviato del gup di Palermo che ha condannato l’imprenditore di Alcamo a nove anni di carcere con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Imprenditore vicino a Matteo

Nove anni di carcere per l’imprenditore vicino a Matteo Messina Denaro

Condanna pesante per il “Re” dell’eolico, Vito Nicastri, accusato di aver favorito la latitanza del super boss di Cosa Nostra, Matteo Messina Denaro. Oggi la sentenza in abbreviato del gup di Palermo che ha condannato l’imprenditore di Alcamo a nove anni di carcere con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Imprenditore vicino a Matteo Messina Denaro

La Dda di Palermo, nel corso della sua requisitoria, aveva chiesto 12 anni di reclusione. Accuse, quelle dei magistrati siciliani, basate soprattutto sulle dichiarazioni dei pentiti di Cosa Nostra, come quelle di Lorenzo Cimarosa, oggi defunto, che inquadrava Vito Nicastri quale uno delle persone che finanziava il super boss della mafia siciliana, Matteo Messina Denaro. Nicastri, inoltre, secondo i magistrati sarebbe vicino anche all’ex deputato Franco Paolo Arata, indagato in un procedimento penale insieme all’ex sottosegretario della Lega, Armando Siri.

Articoli correlati