Cosenza Calcio

Roselli sprona il Cosenza: «Lupi, non mollate. La squadra farà come l’anno scorso»

Roselli segue a distanza il cammino del Cosenza. Su Guarascio candidato sindaco: «Non è una sorpresa, ha un forte legame con Lamezia Terme»

Giorgio Roselli non manca mai di spendere una parola al miele per il Cosenza, vale a dire per l’ultima grande avventura della sua carriera. Una volta conclusa l’esperienza in riva al Crati, le esperienze negative di San Benedetto del TrontoMonopoli. E’ dall’esonero in Puglia che parte nella sua intervista a Gazzetta del Sud: «L’epilogo è stato molto strano – ammette – La dirigenza del Monopoli è molto giovane e con l’esperienza capirà tante cose. Sotto questo profilo, il Cosenza è uno dei club più “snelli” che io conosca. Presidente, direttore sportivo e allenatore sono i tre “gradini” dell’organigramma. Ciò significa che quando c’è da prendere le decisioni non ci sono troppe voci da ascoltare».

Il momento dei rossoblù

Roselli segue a distanza le sorti della sua vecchia squadra, ma non è preoccupato dalla classifica deficitaria. «Molti giocatori sono arrivati poco più di un mese fa – evidenzia dalla sua Genova – I rossoblù hanno bisogno di tempo per decollare. Non vedo troppe differenze tra il Cosenza della passata stagione e quello di quest’anno. Anzi: la qualità della rosa è pian piano migliorata. Ribadisco che non è facile trovare subito la formula vincente quando ci sono nuovi giocatori. L’atteggiamento della squadra mi sembra lo stesso della passata stagione. Il Cosenza ha anche disputato delle partite in cui avrebbe meritato qualcosa in più, mentre in altri casi, come contro il Livorno, non si è espresso bene». 

La chiacchierata con Braglia

In occasione dell’amichevole stravinta dal Monopoli a San Giovanni in Fiore, prima del match Giorgio Roselli chiacchierò con Piero Braglia. «Parlammo in ritiro delle difficoltà che si possono incontrare quando si prende parte a un precampionato con pochi giocatori. Il disagio, in effetti, è grande. Il test precampionato fa poco testo – continua – e anche il Cosenza di Coppa Italia è molto lontano da quello attuale che, a sua volta, non può avere una resa ottimale per i motivi di cui sopra». 

Roselli non sorpreso da Guarascio

Uno dei motivi di interesse è la candidatura per conto del Partito Democratico da parte di Guarascio. Il presidente del Cosenza correrà alle prossime elezioni per la carica di sindaco di Lamezia Terme. «Conosco il patron rossoblù e so del legame che ha con quella città – aggiunge -. Per quasi due anni, con lui e il direttore Meluso, abbiamo cenato a Lamezia, alla Pentolaccia, ogni venerdì». Chiusura dedicata a qualche carenza in casa rossoblù. «Ciò che manca al Cosenza, al momento, sono le certezze da un punto di vista delle strutture, sia per la prima squadra che per il settore giovanile – taglia corto Roselli-. Nel calcio è di fondamentale importanza avere un quartier generale ben articolato, cosa che manca da anni nella città dei bruzi».

Mostra altro

Francesco Pellicori

Nato a Cosenza il 14 maggio 1990 ma domiciliato a Roma per portare a casa la pagnotta. Appassionato di calcio in tutte le sue forme per tradizione familiare, collaboro con Cosenza Channel dal 2014 seguendo con interesse il mercato e la Primavera. Oltre al calcio, musica e cinema danno il ritmo alla mia vita

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina