Cosenza Calcio

Trapani-Cosenza, sei “superstiti” per parte di quelle notti magiche

Un anno e mezzo fa Braglia faceva cinque su cinque contro Calori. Delle sfide playoff Trapani-Cosenza resistono 12 calciatori, 6 per parte.

Notti di metà maggio. Anno del Signore 2018. Il Cosenza ha già battuto il Trapani due volte in campionato e una in Coppa Italia. No: Calori non sa proprio come arginare la squadra di Braglia. Si disputano i playoff stavolta, terzo turno del girone C. L’ultimo prima della fase nazionale. Il primo match si gioca al Marulla, ancora scettico e un po’ freddo sulle possibilità di promozione. Appena 4.500 spettatori assistono all’uno-due formidabile di Tutino e Okereke. Non è fatta, perché Polidori al 90’ buca Saracco e rimanda tutto al mercoledì seguente. Rimanda tutto a Trapani-Cosenza.

Quel Trapani-Cosenza

In Sicilia stesso numero di spettatori, ma qualcuno sottovaluta l’incontro. Trapani-Cosenza così segna la fine dei sogni di gloria dei padroni di casa e lancia i Lupi verso l’impresa. Chi segna? Sempre loro: Tutino e Okereke, ancora nella ripresa. Intorno alle 22.45 Braglia capisce che i rossoblù non avrebbero più avuto problemi esprimendosi in quel modo. Forma smagliante, intesa massima tra i reparti, fase di non possesso imparata a memoria come una poesia in terza elementare. Nella parte occidentale dell’isola più grande del Mediterraneo un manipolo di calciatori, seguiti da un buon numero di tifosi, iniziano a sognare la Serie B.

Dodici “superstiti” 

Dal 23 maggio di un anno e mezzo fa acqua sotto i ponti ne è passata. Trapani-Cosenza si gioca di nuovo, ma tra i cadetti e quasi tutti gli interpreti sono cambiati. Sei per parte sono rimasti gli stessi. In panchina il superstite è Piero Braglia, mentre i granata hanno mutato perfino l’assetto societario. Tra i rossoblù parlano di quelle notti magiche in prima persona SaraccoCorsiTrovato, D’Orazio e la coppia di titolari IddaBruccini. Dall’altra parte, invece, giocheranno dal 1’ Pagliarulo Aloi, si accomoderà in panchina Corapi e non verranno convocati perché infortunati EvacuoFerretti e Canino. Se ogni partita ha però una storia a sé, figurarsi una che si disputa 474 giorni dopo l’ultima volta…

Mostra altro

Antonio Clausi

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2010 ha lavorato fin dal 2007 presso le redazioni de “La Provincia Cosentina”, di “Calabria Ora”, di “Cronache del Garantista” di cui coordinava i servizi per la Calabria, e del “Quotidiano del Sud”. Dal 2008, inoltre, collabora attivamente con CosenzaChannel.it. Spesso ospite di talk-show televisivi e radiofonici, ha come hobby i 33 giri e la musica.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina