Cosenza Calcio

Bruccini: «Cosenza, ad Ascoli puntiamo sulla velocità. Salviamoci, poi…»

Bruccini fa il punto della situazione e non esita a parlare della classifica. «Al Cosenza mancano dei punti. Che errori le sviste arbitrali!».

Mirko Bruccini sta indossando con autorevolezza la fascia di capitano, un onore che non esita ad evidenziare. Il “proprietario”, tuttavia, è Corsi e il centrocampista dei Lupi ha un dolce pensiero anche per il terzino. «Averla al braccio è un vero e proprio orgoglio, così come poter rappresentare la città di Cosenza e la sua provincia – dice -. Al di là di questo il nostro capitano resta Angelo Corsi. E’ un periodo che sta soffrendo dopo il grave infortunio dello scorso anno, ma anche in panchina si fa sentire tanto. Sempre prodigo di consigli e pronto ad incitare la squadra nei momenti difficili di una gara. Per lo spogliatoio resta un giocatore importante».

Una classifica non veritiera

Nella sua intervista al Corriere dello Sport, Bruccini lamenta una posizione di classifica monca. Nel senso che a suo avviso il Cosenza non ha in cascina tutto il fieno che dovrebbe. Così la mezzala: «Manca qualcosa per le prestazioni offerte. L’inizio in sordina è dovuto a tante cose, non ultime alcune sviste arbitrali che ci hanno fortemente penalizzato. A Trapani i giocatori in fuorigioco erano tre, eppure arbitro e guardalinee hanno convalidato la rete di Pettinari. Alla nostra classifica mancano almeno 4/5 punti».

Cosenza, il peso dell’attacco

Bruccini mostra estrema serenità, perché è consapevole che i rossoblù vantano un attacco di primo livello. Stanotte Riviere ha realizzato un gol pazzesco con la Martinica e tutti si aspettano una prodezza simile anche in Serie B. «Il reparto difensivo è solido, ma sono sicuro che in avanti arriveranno gol pesanti. Rivière è un giocatore internazionale e per lui parla il curriculum – spiega -. E’ arrivato in ritardo e solo da poco si è messo in carreggiata. Così come aspettiamo Litteri che in questa categoria può dare tanto. Una volta recuperato tornerà utile alla causa. Senza dimenticare Carretta che sulla fascia fa scintille, Baez e Pierini che a Trapani è stato eccezionale. Potremo dire la nostra con le qualità di questi giocatori».

Bruccini e l’obiettivo stagionale

Bruccini vuole fare un passo alla volta. Iniziare con il conquistare il diritto a disputare anche la prossima Serie B e poi vedere che succede. «Direi di sì – chiude -. Salvezza che dovremo ottenere prima possibile. Nella passata stagione siamo partiti allo stesso modo per poi sfiorare i playoff. Il nostro motto è vivere alla giornata. Ad Ascoli gara dura perché i marchigiani vorranno riscattare il 3-1 di Crotone. Conosco bene il tecnico Zanetti per averci giocato a Reggio Emilia, e per averlo avuto poi come allenatore alla Reggiana. Dovremo stare attenti perché l’Ascoli fa della fisicità la sua arma migliore. Sarà un ambiente caldo in tutti i sensi. Dovremo far leva sulla velocità del nostro tridente d’attacco».

Mostra altro

Francesco Pellicori

Nato a Cosenza il 14 maggio 1990 ma domiciliato a Roma per portare a casa la pagnotta. Appassionato di calcio in tutte le sue forme per tradizione familiare, collaboro con Cosenza Channel dal 2014 seguendo con interesse il mercato e la Primavera. Oltre al calcio, musica e cinema danno il ritmo alla mia vita

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina