Dall' ItaliaIn evidenza home

Nuovo coronavirus: come si trasmette e quali sono i sintomi

Il nuovo coronavirus ha contagiato quasi 85mila persone in tutto il mondo. Due decessi in Italia. Ma cosa sappiamo esattamente di questa malattia? Ecco le info del ministero della Salute.

Il nuovo coronavirus terrorizza il mondo. Dopo aver provocato migliaia di decessi in Cina, anche l’Italia scopre la pericolosità della malattia infettiva che su scala mondiale incide, però, solo del 2%. I contagiati, ovviamente, sono molti di più. Ad oggi siamo arrivati a quasi 85mila persone. Un numero, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, destinato ad aumentare, come ripetono da settimane anche i medici italiani. Lombardia, Veneto, Lazio e Piemonte sono le regioni in cui il nuovo coronavirus ha contagiato uomini e donne. Tra ieri e oggi i primi due decessi. Un uomo 77enne di Monselice, provincia di Padova, e una donna 77enne di Casalpusterlengo, provincia di Lodi. I contagi ad oggi sono 64 (47 in Lombardia, 15 in Veneto, 1 nel Lazio e 1 in Piemonte).

Anche l’Emilia Romagna è sotto osservazione. Addirittura il vescovo di Piacenza, ha vietato lo scambio della pace durante la celebrazione eucaristica. Intanto, l’assessore alla Salute della Lombardia, Giulio Gallera aveva rassicurato i milanesi, affermando che «non risultano casi di coronavirus a Milano, il focolaio è circoscritto al Lodigiano». In serata, invece, si è appreso che nella Metropoli lombarda si registra un caso di coronavirus, come a Torino per un 40enne, che riguarda un 78enne di Sesto San Giovanni, ricoverato al “San Raffaele”.

Cosa sappiamo finora del nuovo coronavirus? Il ministero della Salute ci aiuta a comprendere meglio quanto sta accadendo intorno a noi, spiegandoci come si trasmette e quali sono i sintomi.

Quali sono i sintomi di una persona infetta da un Coronavirus?

«Dipende dal virus, ma i sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte» si legge nel testo divulgato dal ministero, diretto da Roberto Speranza.

Quanto è pericoloso il nuovo coronavirus?

«Come altre malattie respiratorie – si legge sul sito del ministero della Salute – l’infezione da nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie. Raramente può essere fatale. Le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiache».

Il nuovo coronavirus si può trasmettere da persona a persona?

«E’ un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le  goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite:

  • la saliva, tossendo e starnutendo
  • contatti diretti personali
  • le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi

In casi rari il contagio può avvenire attraverso contaminazione fecale. Normalmente le malattie respiratorie non si tramettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche ed evitando il contatto fra alimenti crudi e cotti».

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo per la cronaca giudiziaria nel Distretto di Catanzaro. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina