mercoledì,Giugno 29 2022

«Ordinanza monca, tamponi anche ai medici di base»

L’ordinanza con cui ieri Jole Santelli ha disposto di effettuare tamponi al personale delle strutture pubbliche e private impegnato contro il Covid-19 è un primo passo, ma non basta. A sostenerlo è Piercarlo Chiappetta, che chiede di estendere il provvedimento anche ai medici di medicina generale e di continuità assistenziale. Per il consigliere comunale cosentino

«Ordinanza monca, tamponi anche ai medici di base»

L’ordinanza con cui ieri Jole Santelli ha disposto di effettuare tamponi al personale delle strutture pubbliche e private impegnato contro il Covid-19 è un primo passo, ma non basta. A sostenerlo è Piercarlo Chiappetta, che chiede di estendere il provvedimento anche ai medici di medicina generale e di continuità assistenziale. Per il consigliere comunale cosentino non si può escludere «una categoria, quella dei medici di base, che è comunque esposta ai rischi del contagio da Covid-19».

Ben vengano, prosegue, i tamponi al personale di ospedali, cliniche e case di cura private già disposti dalla governatrice. Ma la misura va allargata o – sostiene il consigliere – rischierebbe di risultare «monca» . Chiappetta non fa giri di parole a riguardo: «Sarebbe una discriminazione inaccettabile». L’esponente della maggioranza di Palazzo dei Bruzi, dunque, sposa la linea portata avanti dal dottor Rosalbino Cerra, segretario della Federazione Medici di Medicina generale della Calabria, che ha chiesto alla Santelli di rettificare, con effetto immediato, l’ordinanza emanata nella giornata di ieri. «Non si aspetti tempo – conclude – per tutelare adeguatamente anche i medici di medicina generale, che sono ugualmente esposti ai rischi del contagio».

Articoli correlati