GiudiziariaIn evidenza home

Testa di Serpente, scarcerato uno degli indagati: la decisione del gip

Uno degli indagati dell'operazione "Testa di Serpente", ottiene la revoca della custodia in carcere. C'è la firma del gip di Catanzaro.

Il gip del tribunale di Catanzaro ha accolto l’istanza di scarcerazione, presenta dall’avvocato difensore di Antonio Bevilacqua. L’indagato è tra le persone coinvolte nell’operazione antimafia “Testa di Serpente“, coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dalla Squadra Mobile di Cosenza. Indagine che ha visto al centro delle investigazioni, i gruppi degli “italiani” e quello del clan degli “zingari“, operanti a Cosenza e dintorni.

Nel caso di specie, Antonio Bevilacqua è accusato di droga e detenzione di armi. L’avvocato Giancarlo Greco, dopo un periodo di detenzione carceriera, ne ha richiesto la scarcerazione per motivi di salute. Richiesta dunque accolta dal gip che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare. Antonio Bevilacqua ora si trova agli arresti domiciliari.

Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo di cronaca giudiziaria. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina