DilettantiPrima Categoria

Dilettanti, che futuro? Casciaro (D. Bergamini): «Il sistema ha lacune storiche»

Futuro dei Dilettanti a rischio: il presidente della Bergamini, Michele Casciaro, loda i suoi calciatori. «Hanno compreso il momento»

La crisi economica derivante dalla pandemia da Covid-19 si sta facendo sentire ad ogni livello. Nessun settore è esente dai danni causati dal blocco delle attività lavorative e il calcio, irrimediabilmente, ne risente. La Juventus, con un atto storico ha trovato un accordo con i propri calciatori generando un risparmio di circa 90 milioni di euro. Nei Dilettanti, però, il pallone si sta sgonfiando. Il vaso di Pandora è stato scoperchiato e, senza aiuti da Federazioni e/o enti locali, si rischia il collasso. Sono a rischio 3mila sodalizi e il codice rosso è già stato attivato. Cosenza Channel ne ha discusso con i presidenti e dirigenti dei club dilettantistici dei maggiori centri della provincia. Il quadro emerso è allarmante. E il turno di Michele Casciaro, presidente della Denis Bergamini impegnata nel torneo di PrimaCategoria.

Quali sono le esigenze di una squadra dilettantistica oggi?
«In questo delicato momento di emergenza, il nostro primo pensiero riguarda la salute dei nostri atleti. Il sogno, ma penso sia un po’ quello di tutto il mondo dilettantistico, è di ritornare alla classica routine, ovvero allenamenti e partite».

Quali sono le cose di cui un club avrebbe bisogno?
«Un club ha bisogno di sentire la vicinanza delle istituzioni sportive e delle amministrazioni.  Sicuramente esiste la necessità di strutturare agevolazioni e aiuti economici che vadano a supportare le squadre al momento della ripresa.».

Come vi comporterete con i rimborsi spesa dei calciatori nel periodo in cui il campionato è fermo?
«Fortunatamente, la nostra è una società virtuosa e fino allo stop tutti i calciatori hanno percepito regolarmente quanto pattuito. Qualora il campionato riprendesse, non ci sarebbero problemi a trovare accordi con loro».

Avete già parlato con calciatori e staff tecnico? Vi aspettate che capiscano il momento delicato?
«Siamo quotidianamente in contatto con tutti. Il nostro è un gruppo splendido composto da ragazzi intelligenti. Hanno capito il particolare momento in cui ci troviamo».

Presidente Casciaro, è favorevole o contrario a riprendere i campionati? E perché?
«Favorevole soltanto nel caso in cui vengano garantite le condizioni di sicurezza ai nostri calciatori. La salute prima di tutto.».

Potrebbe essere il momento giusto per effettuare delle riforme, la più impellente per Lei qual è?
«Penso proprio di si. Il sistema presenta delle lacune storiche. Risulta fondamentale agevolare le società dilettantistiche che con i loro sacrifici trainano tutto il sistema calcistico nazionale. Supportarle con aiuti economici e creando delle agevolazioni. Permetteremmo loro la creazione di strutture e il rilancio dei giovani calciatori».

Mostra altro

Antonio Clausi

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2010 ha lavorato fin dal 2007 presso le redazioni de “La Provincia Cosentina”, di “Calabria Ora”, di “Cronache del Garantista” di cui coordinava i servizi per la Calabria, e del “Quotidiano del Sud”. Dal 2008, inoltre, collabora attivamente con CosenzaChannel.it. Spesso ospite di talk-show televisivi e radiofonici, ha come hobby i 33 giri e la musica.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina