sabato,Luglio 2 2022

Assistenza a rischio per i più deboli, Ambrogio scrive al prefetto

A Cosenza il Comune rischia di non poter più garantire i servizi di assistenza domiciliare agli anziani e di trasporto per i disabili e i dializzati. E che chi se ne è occupato da decenni a questa parte si ritrovi senza un lavoro. Il pericolo è concreto, tant’è che il consigliere comunale Marco Ambrogio ha

Assistenza a rischio per i più deboli, Ambrogio scrive al prefetto

A Cosenza il Comune rischia di non poter più garantire i servizi di assistenza domiciliare agli anziani e di trasporto per i disabili e i dializzati. E che chi se ne è occupato da decenni a questa parte si ritrovi senza un lavoro. Il pericolo è concreto, tant’è che il consigliere comunale Marco Ambrogio ha deciso di scrivere al prefetto Cinzia Guercio per convincerla a occuparsi della vicenda.

Ambrogio, nella sua missiva, spiega che i contratti di appalto relativi ai servizi appena elencati sono ormai scaduti e che nessuno ha provveduto a rinnovarli. Per adesso a occuparsi di anziani, disabili e dializzati sono le cooperative Don Bosco e Adiss. Ma, vista l’importanza dei loro compiti, sarebbe bene che si trovasse una soluzione appena possibile. Ambrogio chiede a Guercio di aprire un tavolo istituzionale, al quale siedano, oltre a lei come presidente, anche «tutte le forze sindacali e l’amministrazione comunale». Il consigliere, infatti, sa che ad usufruire dell’assistenza e del trasporto è «un’utenza particolarmente fragile». E ha il timore che dei «servizi così essenziali vengano soppressi». Intervenire subito, invece, eviterebbe «che gli operatori in servizio da oltre trent’anni rimangano senza occupazione». Ecco perché, oltre a chiedere un intervento diretto della Prefettura, ha deciso di discuterne con i suoi colleghi di Palazzo dei Bruzi. Ambrogio, in attesa di un riscontro da Guercio, fa sapere che domattina depositerà nella segreteria generale del municipio una richiesta di consiglio comunale sull’argomento.

Articoli correlati