CronacaIn evidenza home

Cosenza, negozi aperti ma poca gente. Ecco tutte le foto

La città di Cosenza prova a ritornare alla normalità dopo due mesi di inferno. Primi negozi aperti, ma dentro c'è ancora pochissima gente.

Il primo lunedì del resto della nostra vita ha visto la città di Cosenza sgranchire le saracinesche in modo discreto. A mezzogiorno, lungo l’isola pedonale, i negozi rimasti serrati fino a ieri, accolgono i clienti con gli avvisi, attaccati sulle vetrine, che avvertono di rispettare la fila e le distanze.

Sono in pochi, a dire il vero, ad affollare gli interni. Su qualche porta strilla ancora la pubblicità dei saldi di febbraio, come se il tempo si fosse congelato nel pieno inverno, prima che la pandemia costringesse tutti a un lungo lockdown pieno di incertezze e paure, segnato dai numeri e dalle statistiche. Un’unica piccola coda, si forma davanti a un negozio di abbigliamento di grossa distribuzione. La gente preferisce passeggiare, i più hanno la mascherina addosso, c’è qualche ciclista, genitori con passeggino, i consumatori dei bar seduti al tavolino senza sensi di colpa. «Va molto meglio – dice un barista mentre serve al tavolo un succo e un cornetto – piano piano ci riprenderemo».

Qualche saracinesca è ancora chiusa. Nei negozi più piccoli il limite è di uno alla volta e i commessi aspettano con le protezioni addosso sulla soglia. Tutti hanno la consapevolezza che ci vorrà tempo prima di riuscire a rimettersi in carreggiata. «La gente si deve abituare a uscire» dice un negoziante. La libertà ritrovata oggi odora del tnt delle mascherine, abbassate a tratti per respirare meglio il profumo della tarda primavera, in questo primo lunedì libero di sole, dopo due mesi di notte profonda. 

Mostra altro

Alessia Principe

Alessia Principe è una giornalista professionista. Nata a Cosenza, si è laureata in Giurisprudenza all’Università degli studi di Messina. Durante gli studi, ha iniziato a lavorare come cronista per il quotidiano Edizione della Sera, occupandosi di cronaca. Subito dopo la laurea è diventata parte della redazione del quotidiano regionale Calabria Ora occupandosi delle pagine di spettacoli e cultura. Con la nomina di Piero Sansonetti come direttore de L’Ora della Calabria, ha ricoperto il ruolo di responsabile del settore Spettacoli e Cultura dell'inserto “Macondo”. Nel 2014, è stata responsabile per la Calabria delle pagine di Cultura del quotidiano Il Garantista. Nel 2016 la sua mostra video-fotografica “Stati Uniti della Sila”, è stata esposta a Palazzo Arnone, prima personale realizzata interamente con smartphone a essere ospitata da una galleria nazionale in Italia. Nel 2018 ha pubblicato “Tre volte”, il suo primo romanzo per i tipi di Bookabook. Scrive di cinema per il blog dell’Huffington Post e racconti per riviste letterarie. Ha partecipato alla stesura della sceneggiatura del documentario “Il sogno di Jacob” ispirato alla vita di Nik Spatari e alla nascita del Musaba.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina