Dall' ItaliaIn evidenza home

3 giugno, ecco cosa da oggi è permesso fare e cosa no

Dopo il lockdown e i primi allentamenti, oggi 3 giugno l'Italia entra ufficialmente nella sua nuova fase. Ecco cosa è possibile fare e cosa ancora no.

Dopo due mesi di lockdown e i primi allentamenti delle misure restrittive, l’Italia entra ufficialmente nella sua nuova fase. Da oggi, infatti, sarà di nuovo possibile spostarsi da una regione all’altra per qualsiasi motivo. Non sarà più necessaria un’autocertificazione e validi motivi per farlo. Oltre al distanziamento sociale, anche dopo il 3 giugno, sarà sempre necessario indossare la mascherina nei luoghi pubblici. Bisognerà farlo nei negozi, parrucchieri e su tutti i mezzi pubblici, in aereo e sul treno. Non cambia nulla, dunque, dal punto di vista del divieto di abbracciarsi, abbracciarsi se non si appartiene allo stesso nucleo familiare e se non si è congiunti e per quanto riguarda le regole igieniche (come ad esempio lavarsi bene e spesso le mani). Gli assembramenti restano vietati e dove per entrare veniva misurata la temperatura sarà ancora così.

3 giugno e viaggi all’estero

Cambiano le regole anche per quanto riguarda i viaggi all’estero. Per gli italiani che progettano le ferie o dei periodi fuori dai confini nazionali, c’è la possibilità di viaggiare in una serie di Paesi che apriranno le frontiere. La Francia, in particolare, dal 15 giugno eliminerà i controlli e richiederà solo un’autocertificazione. La Spagna cancellerà dall’1 luglio la quarantena obbligatoria per tutti i viaggiatori. Già nei prossimi giorni dovrebbero riprendere collegamenti aerei con le mete più gettonate per le vacanze estive. Nella penisola iberica sta per riaccendersi anche la macchina turistica del Portogallo, che a metà luglio dovrebbe essere in grado di garantire un’ampia offerta alberghiera. Insomma, da oggi 3 giugno nuovi piccoli passi verso la normalità.

In Grecia misure più restrittive

A prescindere dal 3 giugno italiano, c’è un discorso a parte per la Grecia. Con una nota pubblicata dall’ambasciata, il Paese ha chiarito lunedì scorso le linee guida indicando termini e condizioni per la “riapertura” a visitatori stranieri, compresi i turisti provenienti dall’Italia. Le condizioni non sono le stesse per tutte le regioni di provenienza. I turisti in arrivo da Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto saranno sottoposti a un test al momento del loro arrivo.

Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina