martedì,Febbraio 7 2023

Tallini shock: «Il fascismo non era razzista. Italiani portarono civiltà in Africa»

Delle vecchie dichiarazioni di Domenico Tallini, massima carica del Consiglio della Calabria, sono tornate a girare con insistenza sul web. L’esponente di spicco di Forza Italia in regione, ha sostenuto che il fascismo non sia stato razzista e che gli italiani portarono la civiltà in Africa sfruttando il colonialismo. Parole shock che hanno creato non

Tallini shock: «Il fascismo non era razzista. Italiani portarono civiltà in Africa»

Delle vecchie dichiarazioni di Domenico Tallini, massima carica del Consiglio della Calabria, sono tornate a girare con insistenza sul web. L’esponente di spicco di Forza Italia in regione, ha sostenuto che il fascismo non sia stato razzista e che gli italiani portarono la civiltà in Africa sfruttando il colonialismo. Parole shock che hanno creato non pochi imbarazzi anche tra i suoi stessi alleati. Alleati che per larga parte provengono da ambienti di destra. Talvolta anche estremi.

Tallini e il fascismo senza razzismo

Durante un discorso in aula, l’attuale presidente del Consiglio della Regione Calabria aveva sentenziato: «Il fascismo? Il fascismo non era razzista. È stato accusato in maniera volgare di essere andato in Africa e di aver civilizzato i paesi africani… più o meno la teoria che vorrebbero tanti oggi». E’ plausibile che il riferimento di Tallini fosse a quell’«aiutiamoli a casa loro» di marca leghista.

«Gli italiani portarono civiltà in Africa»

Una sorta di negazionismo storico misto al revisionismo politico del ventennio e delle sue nefandezze, ha indotto quindi Tallini ad affondare il colpo. «Cosa penso della xenofobia? Invece di consentire questa immigrazione e utilizzare questa carne da macello che arriva dal Nord Africa, andare a dare loro una mano nei loro Paesi. Questo avveniva quando gli italiani andarono in Africa a portarvi la civiltà». A supportare la sua tesi il racconto della visita fatta da parte dell’ultimo Negus di Abissinia a Roma. «Salutava per strada col saluto romano – evidenzia -. Ringraziò pertanto il popolo italiano per come si era posto nei confronti di quelle popolazioni».

La reazione di Nicola Morra

Sconcertato dalle parole di Tallini, il senatore del M5S Nicola Morra ha riproposto il video in questione e commenta. « Per il presidente del Consiglio regionale calabrese il fascismo non era razzista. Dunque le leggi razziali del 1938 sono frutto di un’allucinazione collettiva? Certe “perle” solo in Calabria…».

Articoli correlati