domenica,Luglio 3 2022

Chiesto il proscioglimento di Oliverio, Adamo, Occhiuto e Incarnato

La procura di Catanzaro chiede il proscioglimento di Oliverio, Occhiuto, Adamo e Incarnato. Invocato il processo, invece, per Luca Morrone, Giovanni Forciniti e Fortunato Varone (e Oliverio per il caso di "Calabria Lavoro").

Chiesto il proscioglimento di Oliverio, Adamo, Occhiuto e Incarnato

La procura ordinaria di Catanzaro ha chiesto il proscioglimento dell’ex presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, del sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, del liquidatore della Sorical, Luigi Incarnato, del dirigente regionale, Luigi Zinno, dell’ex consigliere regionale, Nicola Adamo, per i reati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, traffico di influenze illecite, turbativa d’asta e corruzione. Altre medesime richieste sono state invocate per gli imputati, a cui la pubblica accusa aveva contestato in origine l’associazione per delinquere. (LEGGI QUI IL PARERE DEL GIP DI CATANZARO)

Complessa e delicata la requisitoria della pubblica accusa che ha fatto un passo indietro rispetto alla fase delle indagini preliminari, allorquando aveva chiesto addirittura l’arresto per gli indagati accusati di associazione per delinquere, nell’ambito del procedimento penale denominato “Passe-partout”. Tra i reati che, secondo l’accusa, non dovranno finire a processo c’è il caso della Metropolitana leggera, della nomina di Luigi Incarnato alla Sorical, dei lavori al Ponte Cannavino di Celico e della realizzazione del Museo di Alarico a Cosenza. (IL CASO DI INCARNATO E MORRONE)

Per la procura di Catanzaro, invece, meritano un approfondimento dibattimentale la presunta corruzione tra Nicola Adamo, Mario Oliverio e Luca Morrone e il caso di “Calabria Lavoro”, dove sono coinvolti l’ex presidente della Giunta Regionale e i dirigenti regionali Giovanni Forciniti e Fortunato Varone, attuale dg del Dipartimento della Presidenza della Giunta regionale, guidata da Jole Santelli. Il collegio difensivo è composto, tra gli altri, dagli avvocati Enzo Belvedere, Ugo Celestino, Nicola Carratelli e Franz Caruso, mentre l’unica parte civile costituita è rappresentata dall’avvocato Michele Filippelli. Il gup del tribunale di Catanzaro, Alfredo Ferraro deciderà il prossimo 24 luglio. (LEGGI QUI IL CASO OCCHIUTO-OLIVERIO)

Articoli correlati