GiudiziariaIn evidenza home

«Ministero della Giustizia imbarazzante. Facciolla torni a Castrovillari»

L'avvocato Iai prende atto che ad oggi il ministero della Giustizia non ha ottemperato alla richiesta avanzata dal magistrato Facciolla.

Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’avvocato Ivano Iai, difensore di fiducia del magistrato Eugenio Facciolla, attuale giudice civile presso il tribunale di Potenza.

Poiché ad oggi nessun provvedimento risulterebbe adottato e comunicato dal Ministro della Giustizia per la reimmessione del Dott. Eugenio Facciolla nelle funzioni di Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, comunico di aver chiesto l’accesso a tutti gli atti ministeriali relativi al trasferimento e alla mancata riassegnazione della sede, al fine di predisporre, sin da subito, urgenti iniziative per la tutela giurisdizionale dei diritti del magistrato. (LEGGI QUI LA DIFFIDA A BONAFEDE)

Ciò al di là, più in generale, dell’omessa attuazione, da parte dello stesso Ministro, del preminente interesse pubblico alla funzionalità dell’Ufficio direttivo vacante per effetto dell’ordinanza di trasferimento provvisorio del magistrato da me assistito, peraltro estinta, decaduta o cessata a far data dall’11 giugno scorso.

Rappresento, in ogni caso, il forte imbarazzo mio e del Dott. Facciolla di fronte al modus operandi di un Ufficio pubblico di preminente importanza, quale il Ministero della Giustizia, per le cui procedure dovrebbero osservarsi i principi costituzionali di buon andamento e imparzialità, nonché i canoni di trasparenza, economicità ed efficienza, anche temporale, nell’azione amministrativa, e che invece manifesta disattenzione verso la sollecitata ricognizione, con provvedimento di semplice presa d’atto, della cessata misura che, per finalità e ragioni incomprensibili e comunque estranee al corretto agire della Pubblica Amministrazione, continua a essere applicata in violazione del decreto legislativo 23 febbraio 2006, n. 109.

Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina