venerdì,Luglio 1 2022

La procura generale “boccia” la Dda di Salerno: «No al carcere per Petrini»

Il procuratore generale presso la Corte di Cassazione chiede l'inammissibilità del ricorso presentato dalla Dda di Salerno contro Petrini.

La procura generale “boccia” la Dda di Salerno: «No al carcere per Petrini»

La procura generale presso la Corte di Cassazione ha chiesto l’inammissibilità del ricorso presentato dalla Dda di Salerno per quanto riguarda la richiesta di misura cautelare in carcere per Marco Petrini, ex giudice presso la Corte d’Appello di Catanzaro, avanzata dal procuratore aggiunto di Salerno, Luca Masini.

Nell’udienza odierna, il procuratore generale ha condiviso l’istanza presentata dagli avvocati di Marco Petrini, i penalisti Francesco Calderaro e Agostino De Caro, accogliendo la memoria difensiva depositata lo scorso 18 settembre dall’avvocato Calderaro. La difesa del magistrato di Foligno, attualmente agli arresti domiciliari, sostiene che non vi sono i presupposti per un ritorno in carcere del loro assistito, così come chiesto dalla procura antimafia di Salerno. La vicenda giudiziaria in esame è quella relativa all’accusa di inquinamento probatorio, contestata dai pm antimafia di Salerno (LEGGI QUI L’APPROFONDIMENTO). Ora toccherà alla sesta sezione penale della Cassazione decidere sulle richieste (congiunte) presentate dalla procura generale e dalla difesa o accogliere l’istanza della procura di Salerno.

udienza csm calderaro petrini
L’avvocato Francesco Calderaro e il giudice Marco Petrini

Tuttavia, tra pochi giorni si terranno due incidenti probatori alla presenza del magistrato Marco Petrini. La mattina del 2 ottobre infatti toccherà al commercialista Claudio Schiavone (LEGGI QUI), mentre nel pomeriggio dinanzi al gip di Salerno sfileranno gli avvocati Marcello Manna e Luigi Gullo (LEGGI QUI).

Articoli correlati