domenica,Marzo 3 2024

Omissione di atti d’ufficio, assolto ex commissario ad acta della Regione Calabria

Il tribunale di Locri, nel corso del giudizio abbreviato, ha assolto un ingegnere, accusato di omissione di atti d'ufficio. Ecco perché.

Omissione di atti d’ufficio, assolto ex commissario ad acta della Regione Calabria

Il gup del tribunale di Locri, Monteleone ha assolto con formula ampia l’ing. L. F. dal reato di omissione di atti di ufficio. L’ingegnere, difeso dall’avvocato Francesco Chiaia del foro di Cosenza, in qualità di commissario ad acta nominato dalla Regione Calabria non avrebbe espletato, senza giustificazione e con notevole ritardo di comunicazioni, l’incarico conferitogli da compiere in un comune della Locride

Richiesto il rinvio a giudizio, l’avvocato Francesco Chiaia ha chiesto procedersi con giudizio abbreviato. In sede di udienza, il penalista ha prodotto documenti comprovanti la attivazione corretta dell’ingegnere, rispetto all’incarico ricevuto, con diverse comunicazioni e documenti che lo stesso aveva effettuato e depositato agli uffici anche giudiziari competenti.

Il pubblico ministero della procura di Locri, sulla scorta della produzione di memoria e documenti da parte della difesa, ha richiesto l’assoluzione dell’imputato, mentre l’avvocato Francesco Chiaia ha ripercorso la cronologia degli avvenimenti che non potevano essere inquadrati, sostenendolo in fatto ed in diritto, nel reato di omissione di atti di ufficio.

Articoli correlati