domenica,Agosto 7 2022

Calabria, indice Rt sopra 1,8. Oggi si rischia la “zona rossa”

E' sempre più probabile, in attesa del nuovo indice Rt, che il Governo Conte oggi decida di considerare la Calabria come "zona rossa".

Calabria, indice Rt sopra 1,8. Oggi si rischia la “zona rossa”

Oggi la Calabria vivrà una giornata di tensione e angoscia per i provvedimenti del Governo Conte che saranno contenuti nel nuovo DPCM. Le nuove misure restrittive saranno firmate entro la giornata di mercoledì, ma le prossime ore saranno decisive per completare il mosaico.

Oltre al coprifuoco alle 21, la DAD al 100% per le Superiori, il limite del trasporto pubblico al 50%, la chiusura di musei, mostre, sale bingo, sale scommesse e centri commerciali nel week-end, il premier Conte, d’intesa con il ministro della Salute, Roberto Speranza, avrebbe deciso di attendere i nuovi risultati dell’indice di contagiosità nelle regioni italiane.

Parliamo dell’indice Rt che indica la capacità del coronavirus di replicarsi più volte nel tempo. Ad oggi, le regioni fortemente a rischio chiusura sono Lombardia, Piemonte e Calabria. La nostra regione infatti ha un indice Rt di 1,66, ma nel nuovo aggiornamento la cifra potrebbe superare l’1,8, che significherebbe automaticamente “zona rossa”, come Lombardia, Piemonte e altri territori regionali, sempre più colpiti dalla seconda ondata dei contagi da Sars-Cov2.

I dati calabresi

Ieri in Calabria effettuati 2.343 tamponi. I nuovi casi? 254, mentre si sono registrati anche 11 guariti, un deceduto e 6 nuovi ricoveri in Terapia Intensiva. L’idea di chiudere la Calabria si basa su dati oggettivi, come l’aumento esponenziale dei casi nelle province di Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria. Meno a rischio, invece, quelle di Crotone e Vibo Valentia. Tuttavia, il Governo sembra tirare dritto per la sua strada e avrebbe già comunicato alla Regione di prepararsi al “lockdown regionale”.

Articoli correlati