martedì,Febbraio 7 2023

Scalea, rubano in un appartamento: arrestati due ragazzi

I carabinieri della Compagnia di Scalea hanno arrestato due ragazzi, accusati di aver rubato in un appartamento. Ecco come sono stati scoperti.

Scalea, rubano in un appartamento: arrestati due ragazzi

Nella notte di ieri, 21 settembre 2020, a Scalea i militari Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Scalea e della Stazione di Verbicaro hanno tratto in arresto il 26enne N.N.R. ed il 19enne B.T.I. entrambi di origine rumena, ma residenti da tempo a Scalea, per furto in abitazione in concorso.

In particolare i due malviventi, nel cuore della notte, dopo essersi introdotti all’interno di un’abitazione estiva posta in uno dei parchi condominiali presenti nel centro abitato di Scalea, hanno asportato diversi elettrodomestici, attrezzatura per la pesca e derrate alimentari che avevano già accumulato in dei sacchi riposti sul pianerottolo del piano terra dello stabile, pronti per essere trasportati altrove. Loro malgrado, però, il rumore provocato dai loro spostamenti riecheggiava nel silenzio della notte al punto da essere udito da personale di un locale istituto di vigilanza, impiegati in servizio dinamico di controllo ai parchi condominiali, che ha tempestivamente chiamato l’utenza di emergenza 112.

Immediato l’intervento di due pattuglie dei carabinieri che giunte sul posto, dopo aver illuminato l’area in questione con il faro in dotazione, hanno notato la figura dei due soggetti che scappavano all’interno di una delle palazzine. Una volta cinturato lo stabile condominiale, i militari hanno fatto accesso all’interno della predetta palazzina ispezionando ogni singola abitazione, venendo attirati dal rumore di passi provenienti dal tetto. I militari, raggiunto il terrazzo, vedevano i due uomini fuggire e calarsi su un balcone posto al secondo piano dove però rimanevano bloccati. Quindi, servendosi di una scala in dotazione ai Vigili del Fuoco di Scalea nel frattempo giunti sul posto, i carabinieri hanno raggiunto la balconata, bloccando i due malviventi. Ora si trovano ai domiciliari.

Articoli correlati