Altri SportSport

MotoGP: chi vincerà nel 2021? Ecco il pronostico di Marco Melandri

Ha vinto un titolo mondiale quando gareggiava nella classe 250 ed è stato in grado anche di battagliare in MotoGP: parla Marco Melandri.

Ha vinto un titolo mondiale quando gareggiava nella classe 250 ed è stato in grado anche di battagliare in MotoGP, senza dimenticare la lunga carriera in Superbike, dove detiene il record, tra i piloti italiani, per le vittorie in Superbike. Stiamo parlando di Marco Melandri, che è stato protagonista di un’interessante intervista che è stata rilasciata al blog sportivo L’insider.

Una chiacchierata con uno dei piloti italiani certamente più talentuosi, che tanti addetti ai lavori hanno più e più volte pensato come potenziale vincitore anche di un titolo di Superbike, al punto tale che diversi appassionati di scommesse sportive hanno puntato spesso e volentieri sul pilota ravennate.

Melandri ha optato per appendere la tuta e il casco al chiodo l’anno, ritirandosi per intraprendere una nuova carriera, ovvero quella di opinionista. D’altro canto, l’esperienza non gli manca di sicuro, con titoli sfiorati sia in MotoGP che in Superbike, compresa qualche situazione da dimenticare, come il brutto incidente di cui fu protagonista a Barcellona e che gli costò proprio il titolo iridato nel 2006, per non parlare anche del grande rimpianto in Superbike con la BMW, per un Mondiale che gli scivolò dalle mani proprio all’ultimo.

Cosa succede alla Ducati?

Dall’alto della sua pluriennale esperienza, Melandri, nel corso dell’intervista, ha parlato a lungo anche di uno dei team in cui ha corso, ovvero la Ducati. Una squadra che è stata rinnovata da cima a piedi, ma che comunque potrà avere le carte in regola per puntare al titolo. Se lo sviluppo dei motori ha subito un vero e proprio stop con il congelamentoimposto dalla Dorna, Melandri ha messo in evidenza come si possano mettere in atto degli accorgimenti dal punto di vista tecnico per risolvere una simile limitazione, aspetto che può fare la differenza, come ha dimostrato anche Suzuki nella vittoria del Mondiale 2020.

Melandri ha parlato anche di due grandi ex della Ducati, ovveroAndrea IannoneAndrea Dovizioso, difficilmente si potranno rivedere presto sui circuiti internazionali. Non solo, visto che il pilota originario di Ravenna ha sottolineato ancora una volta come non sia per nulla strano come Valentino Rossi, invece, abbia ancora la velocità per provare a contendere agli avversari delle vittorie, anche se è difficile che possa ambire al titolo più importante.

Tra Rossi e il titolo, nel corso degli ultimi anni, ci si è messo spesso e volentieri Marc Marquez. Ebbene, Melandri ha parlato anche di lui, mettendo in evidenza come il ritorno alle corse del pilota iberico rappresenta un grande punto di domanda, viste le problematiche fisiche che l’hanno attanagliato da diversi mesi a questa parte e, con ogni probabilità, non sarà pronto subito per stare davanti e per puntare al titolo iridato. In effetti, il Mondiale 2021 sarà certamente molto combattuto, con tanti piloti che hanno velocità e tutte le carte in regola per darsi battaglia su ogni tracciato: vincerà certamente chi riuscirà ad avere più continuità di risultati.

Un cambio a livello generazionale

In riferimento a quello che potrà avvenire in futuro, Melandri ha parlato anche del ricambio generazionaleche è in atto: una perfetta testimonianza di questo scenario è legato al fatto che il campione del mondo attuale ha solamente poco più di 20 anni.

Melandri si è dilungato anche sul momento generale vissuto dal motociclismo italiano, sottolineando come riponga grandi speranze negli azzurri che prendono parte ai campionati di Moto2 e di Moto3. Insomma, secondo l’ex pilota di Superbike ci sono grandi possibilità di vedere un nuovo campione tricolore sfrecciare anche in MotoGP nel corso delle prossime annate.

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina