lunedì,Luglio 4 2022

Inchiesta “Coopservice”, chiuse le indagini. Ecco chi rischia il processo

Chiusa l'inchiesta sulla "Coopservice" di Reggio Emilia, finita nel mirino della procura di Cosenza per gli appalti nell'Ao di Cosenza.

Inchiesta “Coopservice”, chiuse le indagini. Ecco chi rischia il processo

La procura di Cosenza ha chiuso l’inchiesta sugli appalti vinti dalla “Coopservice” di Reggio Emilia all’interno dell’Azienda ospedaliera di Cosenza. Un terremoto giudiziario scoppiato nel dicembre del 2020, quando il gip di Cosenza Giuseppe Greco, aveva applicato la misura degli arresti domiciliari a quattro dirigenti dell’azienda emiliana. Nello specifico si trattava di Fabrizio Marchetti, Gianluca Scorcelletti, Salvatore Pellegrino e Massimiliano Cozza.

“Coopservice”, chi ha condotto le indagini

Le indagini, coordinate dal pm Margherità Saccà e dal procuratore capo Mario Spagnuolo, sono state condotte congiuntamente dalla Guardia di Finanza e dal Comando Provinciale di Cosenza. Nel mirino l’appalto da 25 milioni di euro e una presunta tangente che la Coopservice avrebbe pagato per lavorare a Cosenza. Circostanza emersa dalle intercettazioni.

A suo tempo, inoltre, il procuratore capo, Mario Spagnuolo, aveva parlato di carenze igieniche sanitarie molto gravi che dimostrerebbero la truffa adottata dalla Coopservice nell’ambito delle ore lavorative. Oggi, dunque, si chiude il primo capitolo dell’inchiesta giudiziaria. Le notifiche dell’avviso di conclusioni indagini sono state notificate ieri. Ora i soggetti “attenzionati” avranno 20 giorni di tempo per rendere un interrogatorio o presentare una memoria difensiva. La procura di Cosenza, tuttavia, è pronta a chiedere il rinvio a giudizio.

Chi rischia il processo

Nell’elenco degli inquisiti figurano Francesco Spadafora, Maria Giacinta, Mario Veltri, Monica Fabris, Gianluca Scorcelletti, Fabrizio Marchetti, Salvatore Pellegrino, Massimiliano Cozza, Teodoro Gabriele, Achille Gentile, Giancarlo Ciarci, Renato Mazzuca e la Coopservice Soc. Coop. p. a.. Nel collegio difensivo, infine, ci sono gli avvocati Carlo Esbardo, Roberto Sutich, Nicola Rendace, Nicola Carratelli, Francesco Boccia, Francesco Testa, Federico Sirimarco, Giuseppina Caliò, Salvatore Perugini, Enzo Aprile, Francesco Acciardi, Eugenio Naccarato e Luca Acciardi.

Articoli correlati