mercoledì,Marzo 22 2023

Lao River Camp accoglie Educamp il progetto dell’istituto Omnicomprensivo di Mormanno

Scoperta del territorio, attività motoria, sana alimentazione, conoscenza delle bellezze naturalistiche del Pollino e soprattutto acqua, quella del fiume Lao, ad ospitare i primi approcci con la navigazione su gommone. Tutto con il gioco ma nulla solo per gioco, come diceva un adagio di Baden Powell. E’ la proposta coinvolgente e ricca di stimoli che

Lao River Camp accoglie Educamp il progetto dell’istituto Omnicomprensivo di Mormanno

Scoperta del territorio, attività motoria, sana alimentazione, conoscenza delle bellezze naturalistiche del Pollino e soprattutto acqua, quella del fiume Lao, ad ospitare i primi approcci con la navigazione su gommone. Tutto con il gioco ma nulla solo per gioco, come diceva un adagio di Baden Powell. E’ la proposta coinvolgente e ricca di stimoli che la Lao Rafting sta offrendo in questi giorni ai bambini della scuola primaria di Laino Borgo e Laino Castello, studenti dell’istituto Omnicomprensivo di Mormanno, che ha promosso il Piano Estate grazie alla intrapresa del dirigente scolastico Patrizia Barbarello. 

«Credo molto che le scuole, soprattutto nel nostro territorio e alla luce di quanto abbiamo vissuto in questo anno pandemico, debbano restare aperte anche d’estate ed offrire tate opportunità educative ai nostri bambini». Con questa volontà è nato il piano estate che oltre a quella di Laino, proporrà fino al 6 agosto, altre attività come il Music Summer Camp per i bambini dell’infanzia e della scuola primaria, il progetto “Una radio da favola” e una esperienza di eco sostenibilità ed educazione ai beni culturali e all’ambiente per gli alunni Papasidero e Mormanno. 

EduCamp, organizzato con il patrocinio dei comuni di Laino Borgo e Laino Castello, sta invece coinvolgendo i bambini in esperienze di contatto e scoperta del territorio, ma anche educazione all’immagine e alla composizione artistica con lavori – realizzati attraverso l’utilizzo di materiali e colori naturali – che saranno esposti al termine dell’esperienza in una piccola mostra. «Abbiamo dato seguito ad un progetto che potesse rispondere alle esigenze dei ragazzi che hanno vissuto un anno particolare dovuto a tutta una serie di privazioni a causa del Covid – spiega Andrea D’Onofrio della Lao Rafting –  e abbiamo strutturato una proposta che potesse regalare ai più piccoli il contatto diretto con l’acqua, l’esplorazione del mondo naturale e tanti momenti di socialità». 

Soddisfatti di questa collaborazione tra l’istituzione scolastica, la società di rafting ed i comuni i sindaci di Laino Castello, Gaetano Palermo, e Laino Borgo, Mariangelina Russo, che sono stati nell’area di Campicello per salutare i giovani studenti e seguire da vicino le attività proposte. 

«E’ un bene che i ragazzi socializzino e ammirino questa natura straordinaria che ci circonda – ha affermato Gaetano Palermo – L’area attrezzata che abbiamo realizzato è un punto importante per la traversata delle gole del Lao che sta avendo grande sviluppo a livello turistico». Gli ha fatto eco Mariangelina Russo: «i ragazzi devono vivere l’ambiente, conoscere i luoghi che fanno parte del loro territorio, fare sport e gustare sana alimentazione per crescere in maniera sana e consapevole. Devono essere abituati sin da piccoli a vivere in maniera più naturale apprezzando tutto ciò che hanno attorno».