martedì,Febbraio 7 2023

Abbigliamento rubato su corso Mazzini, denunciata famiglia di Cosenza

I carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno denunciato per ricettazione una famiglia cosentina: ecco i dettagli dell’indagine.

Abbigliamento rubato su corso Mazzini, denunciata famiglia di Cosenza

Nell’ambito di un servizio coordinato per la prevenzione e repressione dei reati, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Cosenza hanno denunciato per il reato di ricettazione un intero nucleo familiare composto da padre, madre e due figli – una ragazza ed un ragazzo – maggiorenni.

Nel corso di una perquisizione d’iniziativa eseguita presso un’abitazione situata tra viale Giacomo Mancini e via Popilia, i militari operanti hanno rinvenuto, all’interno di un armadio, circa 170 capi di abbigliamento, di varie marche, con ancora attaccati i cartellini e l’antitaccheggio. Il valore della merce ammonta a 8mila euro circa.

Abbigliamento rubato su corso Mazzini, le indagini

La refurtiva, composta da vestiario proveniente da vari magazzini di corso Mazzini, è stata posta sotto sequestro in attesa di ulteriori accertamenti. Le indagini in corso sono volte alla ricostruzione dei furti che si sono consumati nei mesi scorsi nel capoluogo bruzio. Non si esclude che alcuni di essi possano essere stati asportati durante uno dei furti consumati con la tecnica della cosiddetta spaccata, fenomeno registrato mesi addietro in città.

I furti con spaccata avvenuti nei mesi scorsi

L’operazione odierna si colloca in un quadro molto più ampio di contrasto ai reati predatori. Non più tardi di tre mesi fa, i Carabinieri della Compagnia di Cosenza avevano arrestato in flagranza di reato due persone che poco prima avevano sfondato con un’autovettura, la vetrina di un negozio del centro commerciale Metropolis, ed asportato dall’intero costosi capi d’abbigliamento. La notte dello scorso 20 luglio, erano stati tratti in arresto in flagranza di reato altre due persone fermate poco dopo aver consumato un furto in un bar, all’interno del quale avevano asportato il registratore di cassa.

I due erano stati intercettati in una via limitrofa con ancora in mano gli arnesi utilizzati per lo scasso e la refurtiva. Da allora non si erano più registrati episodi di furti all’interno di esercizi commerciali nelle ore notturne, ma i Carabinieri della Compagnia bruzia non hanno mai smesso di indagare su tutti quelli consumati in passato. Il risultato odierno è anche il frutto dell’incessante e costante impegno messo in campo dall’Arma dei Carabinieri di Cosenza nella lotta alla microcriminalità a tutela degli interessi dei cittadini.

Articoli correlati