Lavoro

Alitalia, Viglietti (Uilt): “Pronti a individuare soluzioni per start up Ita, ma serve confronto”

Sui tagli agli stipendi per la nuova Ita “noi proponiamo delle soluzioni che comprendono anche delle fasi di contenimento del lavoro per la fase di start up. Ma bisogna che ci sia un confronto non un susseguirsi di ultimatum. Si è passati dalla prima riunione per definire il contratto al 20 settembre e poi è diventato oggi… E’ chiaro che è difficile da fare. Noi però gli elementi per trovare un accordo li vogliamo ricercare e crediamo che sia non corretto, non bello che un’azienda pubblica esca dal contratto nazionale”. Così, con Adnkronos/Labitalia, il segretario nazionale di Uiltrasporti, Ivan Viglietti, sull’incontro di oggi tra sindacato e Ita, per il quale Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno inviato all’azienda un documento unitario di proposte alternative per il futuro della compagnia  

“Quindi siamo convinti che ci sia lo spazio per trovare un accordo e per fare partire nel migliore dei modi la nuova Ita”, spiega.  

Le ipotesi sui tagli degli stipendi “che sono circolate e che Ita ci ha prospettato sono molto pesanti e soprattutto sono disarmoniche. Hanno dei problemi di impostazione retributiva, al di là del valore della singola voce o del complesso. Siamo in condizione di presentare delle proposte alternative. Ma dobbiamo sederci e farle. Ma se la trattativa è solo di facciata, perchè diventa solo un susseguirsi di ultimatum, con ‘o si firma quello che è sul tavolo o io faccio partire il regolamento aziendale e vado da solo’, allora la trattativa non esiste”. 

E nel “documento di proposte unitario che abbiamo inviato poco fa -spiega Viglietti- e su cui ci confronteremo oggi pomeriggi sosteniamo l’ipotesi di un avviso comune sulla questione degli ammortizzatori sociali che devono accompagnare il piano di nascita e crescita di Ita e quindi il graduale riassorbimento del personale. In secondo luogo, il tema del contratto che deve essere nell’alveo del contratto nazionale. E poi accompagnare ciò con un accordo di start up che sia funzionale alle esigenze particolari che può avere un’azienda. Quindi norme di flessibilità , di riaccompagno nella fase di riavvio delle attività. Questi sono i punti centrali del documento, che secondo noi è sostenibile”, conclude.  

Fonte: AdnKronos

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo di cronaca giudiziaria. Ora collaboro con Cosenza Channel, Famiglia Cristiana e Maria con Te.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina