Altre di politicaPolitica

Cis Cosenza centro storico, Iacucci: «Si entra nella fase operativa»

La Provincia, in qualità di beneficiario, svolge il ruolo di stazione appaltante e sarà responsabile della corretta e regolare esecuzione dei lavori

Un altro tassello è stato aggiunto per il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) “Cosenza-Centro storico”. La Provincia di Cosenza e il Segretariato generale del Ministero della cultura hanno firmato il Disciplinare regolante i rapporti con l’Autorità responsabile del Piano sviluppo e Coesione. Per la Provincia di Cosenza sono quattro gli interventi annessi al Cis per un importo di oltre 31 milioni di euro.

«Prosegue il lavoro sul Cis “Cosenza-Centro Storico” per il recupero di una realtà storico-monumentale di rilevante valore. La Provincia è il primo Ente ad aver firmato il Disciplinare – afferma il presidente della Provincia di Cosenza Francesco Antonio Iacucci –. Con questo atto si entra nella fase operativa, vengono stabiliti ruoli, funzioni, tempistiche di attuazione degli interventi, controlli e verifiche relativi allo stato di attuazione dei progetti. La Provincia, in qualità di beneficiario, svolge il ruolo di stazione appaltante e sarà responsabile della corretta e regolare esecuzione dei lavori. Gli interventi di recupero proposti dalla Provincia restituiranno ai cosentini e ai calabresi un patrimonio storico e monumentale non solo da visitare e frequentare occasionalmente, ma da vivere e valorizzare. Cambierà il volto di uno dei centri storici più belli d’Italia, il Cis creerà nuove opportunità di crescita, in termini occupazionali e formativi, e servirà ad arrestare lo spopolamento».

Gli interventi dovranno essere completati entro il termine del 31 dicembre 2025. Questi i quattro progetti della Provincia di Cosenza: i lavori di adeguamento strutturale e restauro dell’edificio Chiesa S. Teresa D’Avila annessa all’ex Convento dei Padri Carmelitani Scalzi noto altresì come ex orfanotrofio Vittorio Emanuele II° in Via Gravina attuale sede dell’I.I.S. “Mancini – Tommasi” (importo euro 3.660.000,00); ristrutturazione e riuso funzionale dell’edificio sede del Liceo statale “L. Della Valle” di Cosenza (Importo euro 7.700.000,00); lavori adeguamento strutturale e restauro del “Convitto Nazionale – B. Telesio” per utilizzo a Scuola Superiore con annesso convitto ed area a destinazione incontri e convegnistica e realizzazione Incubatore culturale in sinergia con UNICAL ed Associazioni presenti sul territorio  (importo euro 15.000.000,00); adeguamento/miglioramento strutturale e restauro del Conservatorio “S. Giacomantonio” (importo euro 4.930.000,00). 

Domenico Ritorto

Ha lavorato presso Calabria Ora fino al 2012, successivamente presso le Cronache del Garantista nell'anno 2014

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina