Cosenza Calcio

Di Carlo: «A Cosenza mi aspetto un segnale dal Vicenza. Convocati: c’è Meggiorini»

"Vogliamo dare un segnale, lo aspetto perché dobbiamo fare qualcosa in più, soprattutto sotto l’aspetto dell’atteggiamento".

Alla vigilia del match del Marulla e prima di partire per Cosenza, ha parlato l’allenatore del Vicenza Domenico Di Carlo. Ecco le sue parole.

Falsa partenza

Tutti noi abbiamo visto che non abbiamo iniziato bene, nessuno è contento ma invito tutti alla calma perché il campionato è appena iniziato. La sosta ci ha permesso di mettere minuti sulle gambe, il gruppo ha la forza anche per fare due vittorie, dobbiamo essere bravi a stare uniti e compatti migliorando il gioco con il diktat di fare punti. Con il Cittadella secondo me potevamo anche pareggiare, con il Frosinone la prima mezz’ora non è piaciuta a nessuno. Le critiche sono giuste e le accettiamo. Io sento tutti vicini, anche i tifosi”.

Le aspettative e la formazione

“Bisogna guardare una partita alle volta, la squadra – spiega Di Carlo – ha la qualità per fare le vittorie. In questi due anni insieme alla proprietà dobbiamo essere noi a trovare il sole e convinzione di fare punti a cui ho chiesto di fare la partita con coraggio. Modulo fine a se stesso se non cambia l’atteggiamento: abbiamo provato 4-3-3 e 3-5-2. Taugordeau e Ranocchia potrebbero giocare entrambi, ho un po’ di dubbi perché due hanno preso delle botte. Meggiorini sta bene, finalmente ha fatto gli allenamenti con noi, mancano Cester e Lanzafame. Cosenza avversario migliore per questo periodo? Vogliamo dare un segnale, lo aspetto perché dobbiamo fare qualcosa in più, soprattutto sotto l’aspetto dell’atteggiamento”.

Futuro

“Siamo all’inizio del campionato, nessuno è contento, c’è tempo per migliorare la classifica, i giocatori possono crescere, non penso a quello che può succedere dopo, devo solo lavorare, altrimenti proveremo a vincere contro il Pisa. A marzo capiremo se faremo un campionato per la salvezza o per guardare un po’ più su”.

Alessandro Storino

Sono nato a Cetraro nel 1983, dove vivo ancora oggi. Maturità scientifica e studi universitari lasciati a metà in Scienze della Comunicazione. Ho lavorato per anni con le maggiori testate giornalistiche locali (La Provincia, Calabria Ora, Il Quotidiano della Calabria). In passato ho collaborato con Gianluca Di Marzio e diversi siti nazionali che si occupano di calcio. Radiocronista per diletto. Sono terribilmente affascinato dallo storytelling sportivo. Con Cosenza Channel dal 2015. Mi occupo principalmente del calcio dilettantistico della nostra provincia. Nella vita di tutti i giorni sono un impiegato amministrativo. Sposato con Federica e papà di due splendide bambine: Giulia e Sofia.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina