martedì,Luglio 5 2022

Elezioni Milano, Feltri: “Città fighetta, non sorprende vittoria Sala”

“Sala è uno di finta sinistra, ma Milano è una città un po’ fighetta, nostalgica del ’68, vota per la sinistra, soprattutto il centro storico: ma questo lo sapevamo anche prima, non c’è alcuna sorpresa”. E’ il commento di Vittorio Feltri che analizza così con l’Adnkronos il risultato elettorale che ha visto vincere come sindaco

Elezioni Milano, Feltri: “Città fighetta, non sorprende vittoria Sala”

“Sala è uno di finta sinistra, ma Milano è una città un po’ fighetta, nostalgica del ’68, vota per la sinistra, soprattutto il centro storico: ma questo lo sapevamo anche prima, non c’è alcuna sorpresa”. E’ il commento di Vittorio Feltri che analizza così con l’Adnkronos il risultato elettorale che ha visto vincere come sindaco a Milano il candidato del centrosinistra Beppe Sala. “Quello che ho scritto un mese fa si è verificato puntualmente. E cioè che a Milano avrebbe vinto a mani basse Sala, era scritto nel destino”, aggiunge Feltri.

Che commenta poi il dato di affluenza alle urne, mai così basso: “Non solo a Milano, anche nelle altre città è successo che la gente non va più a votare perché ha perso la passione nella politica – dice Feltri – La politica è mal vista da quando sono morte le ideologie, non c’è più un sentimento a livello ‘cardiaco’ nella gente. Quando c’era la ex Dc, c’era la battaglia, vinceva sempre ma di poco, il Partito Comunista era forte e minacciava sempre il sorpasso. La gente partecipava in modo passionale, tifava. Ora i partiti hanno perso grinta, hanno perso la capacità di sedurre gli elettori. A Milano pioveva, figurati se andavano a votare”.

“Giorgia Meloni a Milano ha triplicato i suoi voti, quindi non può certamente lamentarsi” aggiunge. Certo che per vincere le elezioni a Milano bisognava avere una coalizione forte, che non c’è”. “Mi aspettavo che Salvini perdesse notevoli quote di “elettori -aggiunge poi Feltri- perché ha governato prima coi 5 Stelle, poi è uscito dal governo senza spiegare i motivi, poi è rientrato sempre coi 5 Stelle e con gli avversari storici, cioè il Pd, senza spiegare nulla e la gente non ci ha più capito niente. Questo è il motivo per cui la Lega è passata dal 34% a delle cifre molto più dimensionate, ma dov’è la sorpresa? Era ovvio”.

Fonte: AdnKronos