mercoledì,Dicembre 8 2021

“Testa di Serpente”, revocati i domiciliari a uno degli imputati

Il tribunale di Cosenza, su istanza presentata dalla difesa, ha revocati i domiciliari a uno degli imputati del processo "Testa di Serpente".

“Testa di Serpente”, revocati i domiciliari a uno degli imputati

Il presidente del collegio giudicante del processo “Testa di Serpente” ha sciolto la riserva sull’istanza di revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del giovane cosentino, Adamo Attento, accusato dalla Dda di Catanzaro di estorsione in concorso aggravato dal metodo mafioso (ex articolo sette, per intenderci).

Il tribunale di Cosenza, accogliendo la richiesta avanzata dall’avvocato Fiorella Bozzarello, ha sostituito i domiciliari con l’obbligo di dimora nel comune di residenza, oltre alla prescrizione di non allontanarsi senza l’autorizzazione del giudice che procede, nel caso di specie il presidente della sezione penale del tribunale di Cosenza, Carmen Ciarcia, affiancata nel giudizio di primo grado dalle colleghe Stefania Antico e Iole Vigna.

Articoli correlati