mercoledì,Dicembre 8 2021

Lega, mozione per impegnare il Governo a stanziare 2 miliardi per contrasto alle mafie

di Giacomo Francesco Saccomanno (Commissario regionale Lega) – Grande impegno della Lega per sostenere e potenziare il contrasto alle mafie: qualche giorno orsono alla Camera è stata approvata all’unanimità una mozione di maggioranza per impegnare il governo a stanziare 2 miliardi di euro per il rafforzamento del contrasto alle mafie tra i progetti del Pnrr.

Lega, mozione per impegnare il Governo a stanziare 2 miliardi per contrasto alle mafie

di Giacomo Francesco Saccomanno (Commissario regionale Lega) – Grande impegno della Lega per sostenere e potenziare il contrasto alle mafie: qualche giorno orsono alla Camera è stata approvata all’unanimità una mozione di maggioranza per impegnare il governo a stanziare 2 miliardi di euro per il rafforzamento del contrasto alle mafie tra i progetti del Pnrr. Un passo concreto per porre una barriera forte all’invasione delle mafie anche in relazione all’interesse di queste alle prossime risorse che arriveranno nei territori. Un ringraziamento ai deputati della Lega ed in particolare all’On. Gianluca Cantalamessa, capogruppo in Commissione Antimafia, che ha profuso grande impegno per far approvare tale mozione e che è, fortemente, convinto a sostenere tutte quelle iniziative che possano rafforzare le barriere di resistenza al potere della criminalità organizzata. La Calabria ha tantissimi problemi nella lotta alle mafie e, quindi, una notizia del genere non può che rafforzare la convinzione che solo con un impegno e una coesione anche al di fuori dei colori politici può portare a rilevanti risultati sia per il territorio meridionale che per tutta l’Italia. Specialmente oggi che vi è un gruppo di magistrati che stanno dimostrando capacità, visione con risultanti, veramente eccellenti. La Lega, comunque, non consentirà a nessuno di proseguire in atteggiamenti ambigui e che non remino verso una vera, convinta e concreta azione di forte contrasto alle illiceità esistenti ed alle collusioni tra l’imprenditoria, la sanità, la politica e la ‘ndrangheta.

Articoli correlati