sabato,Agosto 13 2022

Cosenza, i due dubbi di Zaffaroni per la trasferta di Benevento

Mancano due giorni alla difficile trasferta del “Vigorito” contro il Benevento. Mister Zaffaroni sta pensando a quella che potrebbe essere la formazione con la quale affrontare al meglio i giallorossi di Caserta. Con il rientro di Millico e Sy, i dubbi principali per il tecnico del Cosenza sono due. Assodato che per il resto, la

Cosenza, i due dubbi di Zaffaroni per la trasferta di Benevento

Mancano due giorni alla difficile trasferta del “Vigorito” contro il Benevento. Mister Zaffaroni sta pensando a quella che potrebbe essere la formazione con la quale affrontare al meglio i giallorossi di Caserta. Con il rientro di Millico e Sy, i dubbi principali per il tecnico del Cosenza sono due. Assodato che per il resto, la formazione dovrebbe essere la stessa di Alessandria per 9/11.

Chi in prima linea con Gori

Il primo è quello dell’attacco. Senza alcun dubbio ci sarà Gori. Ma al fianco dell’attaccante di proprietà della Fiorentina resta vivo il ballottaggio tra Caso e Millico. Il primo ha ritrovato la maglia da titolare contro il Frosinone proprio dopo averla lasciata a Millico nella trasferta di Alessandria. Ma la prova del 30 rossoblù quel pomeriggio durò pochissimo visto l’infortunio muscolare che lo costrinse a fermarsi. Ora Millico sta bene ed ha voglia di essere decisivo. Caso, al contrario, contro il Frosinone ha avuto il grande merito di procurarsi il calcio di rigore ma allo stesso tempo ha fatto perdere in più di un’occasione la pazienza a Zaffaroni per l’egoismo mostrato, tant’è che all’ennesima palla persa è stato richiamato in fretta in panchina. Il dualismo resta aperto. Con Caso leggermente favorito per partire dall’inizio. Ma in ogni caso, dovrebbe comunque essere staffetta tra i due.

A sinistra conferma per capitan Corsi?

Sull’out mancino invece prova a riprendersi la titolarità Sy, dopo che nelle ultime due partite è stato Corsi a riprendere il suo posto. Il calciatore di proprietà della Salernitana finora non ha ancora convinto e l’esperto capitano cosentino è stato bravo a farsi trovare prontissimo anche in una posizione non sua nel momento in cui, prima per ragioni tattiche e poi per ragioni fisiche, Zaffaroni lo ha chiamato in causa. Corsi alla fine dovrebbe nuovamente spuntarla per essere scelto fin dal primo minuto.