lunedì,Luglio 4 2022

Benevento-Cosenza: le pagelle. Tradisce la difesa, Situm predica nel deserto

Perde anche a Benevento il Cosenza in un match nel quale i lupi sono troppo rinunciatari ed i padroni di casa troppo più forti. Decidono i gol di Barba, Lapadula e Tello. La difesa questa volta tradisce. Mentre il migliore è Situm. Questi i giudizi dei singoli calciatori e dell’allenatore: VIGORITO: VOTO 6 Con i

Benevento-Cosenza: le pagelle. Tradisce la difesa, Situm predica nel deserto

Perde anche a Benevento il Cosenza in un match nel quale i lupi sono troppo rinunciatari ed i padroni di casa troppo più forti. Decidono i gol di Barba, Lapadula e Tello. La difesa questa volta tradisce. Mentre il migliore è Situm. Questi i giudizi dei singoli calciatori e dell’allenatore:

VIGORITO: VOTO 6 Con i piedi ogni volta fa venire i brividi, ma tra i pali fa quello che deve. Peccato che la difesa non lo protegga come al solito.
TIRITIELLO: VOTO 5,5 Soffre gli inserimenti di Ionita che avvengono puntualmente alle sue spalle. Non sempre legge bene la situazione.
RIGIONE: VOTO 4,5 Ricorderà a lungo Lapadula. Ha responsabilità sul secondo gol, visto che si ferma dopo la respinta di Vigorito, e sul terzo, dove il peruviano lo manda troppo facilmente al bar. Il tabellino parla chiaro.
PIRRELLO: VOTO 4,5 Una vecchia regola del calcio dice che sui piazzati l’uomo che si marca è tuo finché non si recupera palla. Lui evidentemente non la conosceva visto che lascia solo Barba sulla seconda palla dopo un corner. Risultato: un altro gol per gli avversari. Recidivo dopo Alessandria. Naufraga nella ripresa.
SITUM: VOTO 6,5 Il migliore del Cosenza. Dietro è puntuale ad assorbire gli inserimenti di Foulon, mentre in attacco mette tanti palloni molto interessanti. Peccato non ci sia mai nessuno. Predica nel deserto.
CARRARO: VOTO 6 Regge l’urto finché può con giocate sempre intelligenti. Quando esce Gerbo si rivede nel suo vecchio ruolo di regista. Poi cala anche lui con il resto della squadra.
GERBO: VOTO 6 Prova a mettere ordine con le sue giocate ed è l’unico che tenta anche a tirare verso la porta di Manfredini.
VALLOCCHIA: VOTO 5 Il primo tempo non si vede praticamente mai. Nella ripresa, fino alla sostituzione, prova ad inserirsi un po’ di più ma con scarsi risultati.
SY: VOTO 5 Ha anche la palla buona per fare male proprio nell’ultima azione del primo tempo ma tira malissimo. Tagliato fuori da Letizia per il raddoppio di Lapadula. Benevento-Cosenza per lui è un’altra brutta partita.
CASO: VOTO 5 Salta poche volte l’uomo e lo fa sempre lontano dalla porta. Impalpabile e mai pericoloso.
GORI: VOTO 5,5 Partita di grande sacrificio, e non è una novità. Ma non tira mai verso la porta del Benevento. E questa sì che è una novità. Poco presente in area sui tanti cross messi dalla destra.
ZAFFARONI: VOTO 5 Lascia completamente l’iniziativa ai padroni di casa in Benevento-Cosenza. Ci sta perdere al “Vigorito”, visto che i giallorossi sono sicuramente più forti dei suoi, ma è un peccato farlo senza nemmeno aver provato a giocarsela. Il Cosenza non tira mai in porta.

SUBENTRATI
EYANGO: VOTO 5,5 Entra in modo volenteroso ma si spegne molto presto.
ANDERSON: VOTO 6 Esordio con la maglia del Cosenza per il calciatore di proprietà della Lazio. Fa intravedere quello che potrà essere visto che gioca sempre bene le palle che gli capitano tra i piedi. Va anche vicino al gol.
MILLICO: VOTO 5,5 Entra quando i buoi sono già scappati dalla stalla. Trotterella per il fronte offensivo senza mai rendersi pericoloso visto che quando punta l’avversario viene puntualmente fermato.
PANDOLFI: VOTO 6 Si rivede in campo dopo l’infortunio. Mette minuti nelle gambe che saranno utili per le prossime gare. Prende un giallo di frustrazione.
BITTANTE: SV Il suo ritorno in campo in Benevento-Cosenza è una delle pochissime note liete della giornata. Bentornato!