mercoledì,Dicembre 8 2021

Bittante, tre minuti per ritrovare il sorriso e riprendersi il Cosenza

Luca Bittante è tornato e adesso non vuole più lasciare la fascia sinistra. Il terzino dell’Empoli è sceso nuovamente in campo dal primo minuto a distanza di quasi un anno dall’ultima sfida giocata titolare: era Cosenza-Pordenone del gennaio 2020, quella stessa gara durante la quale iniziò il suo calvario. Ieri, dopo dieci mesi, è entrato

Bittante, tre minuti per ritrovare il sorriso e riprendersi il Cosenza

Luca Bittante è tornato e adesso non vuole più lasciare la fascia sinistra. Il terzino dell’Empoli è sceso nuovamente in campo dal primo minuto a distanza di quasi un anno dall’ultima sfida giocata titolare: era Cosenza-Pordenone del gennaio 2020, quella stessa gara durante la quale iniziò il suo calvario. Ieri, dopo dieci mesi, è entrato di nuovo nel novero dell’undici di partenza. E gli sono bastati tre minuti per ricordare al pubblico del “Marulla” (e a chiunque la stesse guardando da remoto, ovviamente) perché sia mancato così tanto alla causa rossoblù.

Bittante in gol? No, ma…

Il tempo di toccare il primo pallone della sua gara, innescato da Caso: da buon quinto, Bittante era in area avversaria a raccogliere il suggerimento del fantasista. Poi il tocco a servire Florenzi, la deviazione di Ghirighelli e il vantaggio. Ma sono la propulsione, la corsa, la costanza e soprattutto l’ordine conferito alla fascia di competenza le cose che rendono Bittante indispensabile.

77 minuti e fuori fra gli applausi

Ed è evidente che quanti fossero allo stadio hanno ricordato il perché mancasse così tanto: al momento della sostituzione al 77′, quando è stato rilevato da Corsi, il numero 27 ha ricevuto una massiccia dose di applausi dai suoi tifosi, ricambiando. Bittante è tornato e, adesso, non mollerà più la fascia mancina.

Il messaggio social del terzino