lunedì,Luglio 4 2022

Si riaccende il teatro a Rende nel segno delle donne: ecco gli ospiti

Dalle Michelini a Marco Bocci, passando per Violante Placido e il musical su Leonardo, sipario alzato dal 4 dicembre al cine-teatro Garden. Il direttore De Luca: «Come diceva Proietti: benvenuti a teatro dove tutto è finto e niente è falso»

Si riaccende il teatro a Rende nel segno delle donne: ecco gli ospiti

Il sipario di velluto rosso si riapre a Rende al cine-teatro Garden. Con le parole di un gigante del cinema e delle scene, il direttore artistico di “Rende Teatro Festival”, Alfredo De Luca, saluta così l’inizio del nuovo corso. «Deve essere l’anno della ripartenza per il teatro, e per farlo ci siamo ispirati ad una frase di uno dei più grandi artisti della storia del nostro Paese ovvero Gigi Proietti che diceva: “Benvenuti a Teatro, dove tutto è finto ma niente è falso”».

Il calendario completo: grandi classici e qualche sorpresa

Il 4 dicembre si parte con due sorelle: Giulia e Paola Michelini che inaugureranno la stagione portando in scena “Alza la voce”. Il testo, scritto a quattro mani dalle due attrici/autrici, prende spunto da un fatto realmente accaduto. Un’orsa è chiusa in una teca dentro un centro commerciale in Cina come attrazione e Stella, che fa le pulizie in quella struttura, è decisa a liberarla. Una chiave surreale per parlare di stereotipi e donne.

Il 5 febbraio del 2022, a battezzare l’anno nuovo ci penserà Violante Placido con “Femmes fatales”. Nico, Marianne Faithfull, Patty Pravo, Francoise Hardy, Yoko Ono sono le cinque donne che ispirano Violante Placido che condividerà con il pubblico le loro vite e il loro talento.

Anche Ale&Franz

L’8 febbraio si ride con due dei comici più stralunati (e divertenti) usciti dalla fucina di Zelig: Ale&Franz che proporranno al pubblico “Comincium” di Francesco Villa, Alessandro Besentini, Alberto Ferrari e Antonio De Santis, con Luigi Schiavone alla chitarra, Fabrizio Palermo al basso, Francesco Luppi alle tastiere, Marco Orsi alla batteria e Alice Grasso alla voce e per la regia di Alberto Ferrari.

Tratto dal film cult del 1989 diretto da Herbert Ross, tratto dal dramma teatrale di Robert Harling “Fiori d’acciaio” a teatro avrà il volto di Tosca D’Aquino, Rocío Muñoz Morales, Emy Bergamo ed Emanuela Muni.

Irriverente e trachant, il 26 marzo lo stand-up comedian Pucci porterà in scena il suo Best alle 20:30. Un one-man show che ripercorrerà, fuori dagli schemi teatrali, gli sketch che lo hanno reso celebre in tutti questi anni fino ad oggi.

Liberamente tratto dal capolavoro di William Shakespeare, Giorgio Pasotti e Mariangela D’Abbraccio il 4 aprile si cimenteranno con “Hamlet”. In scena con Giorgio Pasotti nel ruolo Amleto e Mariangela D’Abbraccio nel ruolo della regina Geltrude, madre del principe di Danimarca, ci saranno Claudia Tosoni (Ofelia), Gerardo Maffei (Re Claudio e lo Spettro), Rosario Petix (Polonio), Pio Stellaccio (Laerte), Andrea Papale (Guildersten) e Salvatore Rancatore (Rosencrantz).

“Lo zingaro”

Ill 25 aprile, giorno della Liberazione, con Marco Bocci che sarà in scena “Lo Zingaro” un monologo scritto da Marco Bonini, Gianni Corsi e Marco Bocci, in cui l’attore racconta la storia esemplare di un pilota di auto sconosciuto il cui destino è però indissolubilmente legato al mito della Formula 1 Ayrton Senna.

In chiusura andrà in scena Il Musical di Leonardo – I segreti di un Genio, mercoledì 27 Aprile con oltre 22 artisti in scena, tra ballerini, cantanti e attori con le coreografie di Giuseppe Ferraro.

Un cartellone nel segno delle donne

In questa edizione sarà introdotta, oltre alla campagna abbonamenti classica, la campagna abbonamento Rosa e Blu. Il colore Rosa è stato scelto per sostenere la tematica a sostegno delle donne. In questa sezione sono stati selezionati spettacoli con maggioranza femminile in scena al fine di aiutare a sensibilizzare l’argomento e dare un forte messaggio a tutti attraverso il Teatro. Inseriti anche nella programmazione i matinée scolastici in collaborazione con il progetto di lettura dell’amministrazione comunale di Rende “Leggi e Sogna” a cura di Marisa De Rose.

Aspettando il Natale…

Il 2 gennaio invece presso il borgo antico di Rende Centro andrà in scena Il Magnificat – Il presepe vivente, un vero e proprio percorso itinerante nel borgo antico con oltre 300 artisti coinvolti in collaborazione con il Santuario Maria SS. di Costantinopoli e la Chiesa SS. Trinità di Rende. Già attiva la prelazione per i vecchi abbonati, mentre dal 6 Novembre via libera a tutti i nuovi abbonati presso la biglietteria Inprimafila di Cosenza.

Articoli correlati