lunedì,Febbraio 6 2023

Fallimento “Clinica Tricarico”, in appello una condanna e un’assoluzione

I giudici di secondo grado hanno riformato la sentenza del tribunale di Paola. Estraneo ai fatti Fabrizio, colpevole invece Ciro

Fallimento “Clinica Tricarico”, in appello una condanna e un’assoluzione

Ieri la Corte d’Appello di Catanzaro, seconda sezione penale, in riforma della sentenza del gup del tribunale di Paola, e appellata dal Pubblico Ministero di Paola, nonché da Ciro e Fabrizio Tricarico Rosano, ha assolto Fabrizio Tricarico Rosano, difeso dagli avvocati Franco Sammarco, Paolo Sammarco e Anna Spada.

La vicenda giudiziaria riguardava reati di bancarotta fraudolenta e documentale concernenti il fallimento della società “Casa di cura Tricarico Rosano srl” con sede a Belvedere Marittimo, che vede imputati Carmen Rosano, Ciro Tricarico Rosano, Pasquale Tricarico Rosano quali amministratori di fatto della società e Fabrizio Tricarico Rosano quale legale rappresentante e socio al 25%, accusati a vario titolo di aver distratto dalla cassa aziendale un importo complessivo di oltre un milione e mezzo di euro, tutti i beni costituenti il compendio aziendale ed i conseguenti utili e flussi finanziari attivi facenti capo alla preesistente società INR srl.

A seguito dell’iter giudiziario, la Corte d’ Appello di Catanzaro ha assolto Fabrizio Tricarico Rosano da tutti i reati ascrittigli perché il fatto non costituisce reato, riconoscendone la totale estraneità dall’intera vicenda. Ridotta a 3 anni e 5 mesi invece la condanna di Ciro Tricarico Rosano, difeso dagli avvocati Marafioti e Mariggiò.