mercoledì,Dicembre 8 2021

Il “modello europeo” della procura di Paola: un’inchiesta dura in media 157 giorni

Il 96% dei procedimenti penali riguardano l'anno 2021. I magistrati lavorano su più fronti: dalla sanità alla pubblica amministrazione

Il “modello europeo” della procura di Paola: un’inchiesta dura in media 157 giorni

Nel panorama giudiziario calabrese e italiano, la procura di Paola può vantare numeri importanti sull’efficacia ed efficienza della macchina organizzativa. Le indicazioni dell’Europa venivano già applicate in tempi non sospetti, vale a dire prima dei diktat inviati all’Italia, in tema di riforma della giustizia.

Oggi l’ufficio inquirente, coordinato dal procuratore capo Pierpaolo Bruni, si interessa a procedimenti penali avviati nel 2021, che rappresentano il 96% delle pendenze. Del passato, infatti, c’è solo una pendenza del 4%. Sono inchieste di una certa complessità che necessitano approfondimenti investigativi più lunghi come dimostrano alcune indagini già venute a conoscenza dell’opinione pubblica.

Pierpaolo Bruni, procuratore capo di Paola

Per quanto riguarda i procedimenti iscritti a “modello 44” nel 2021 sono il 91% delle pendenze, mentre il 9% riguarda gli anni precedenti. Quelli iscritti a “modello 21 bis”, di competenza del giudice di pace, nell’anno corrente rappresentano il 90% delle pendenze, mentre il 10% è riferito al passato. La durata media dei procedimenti per le singole iscrizioni a modello 21 e a modello 44 si attesta a giorni 157, mentre per quelli iscritti a modello 21 bis a 126 giorni.

Leggi anche ⬇️

Dal 2016 ad oggi dunque la procura di Paola ha scoperchiato tanti “vasi di Pandora”, dando vita a una serie di inchieste che hanno travolto la pubblica amministrazione (tra reati di corruzione e di tipo ambientale), e la sanità tirrenica. Basti pensare alle inchieste su Vincenzo Cesareo e il fallimento della clinica Tricarico. Ciliegina sulla torta la nota inchiesta “Appalti e massoneria”. In questo caso la procura di Paola non demorde e spera di far venire a galla altre malefatte nel Tirreno. Tutto ciò con un solo obiettivo: la giurisdizione. Senza personalismi né protagonisti di alcun genere.