mercoledì,Dicembre 8 2021

San Giovanni in Fiore, dipendenti comunali in stato di agitazione

Le accuse dei sindacati: «Numerosi sono stati gli spostamenti del personale in settori diversi senza il rispetto delle mansioni»

San Giovanni in Fiore, dipendenti comunali in stato di agitazione

E’ stato di agitazione tra i dipendenti del Comune di San Giovanni in Fiore. La decisione è maturata nel corso di una partecipata assemblea dei lavoratori con i rappresentanti sindacali Susanna De Marco (Uil FPL Cosenza ), Teodora Gagliardi (Fp Cgil Cosenza), Francesco Occhiuto e Antonello Borsani (Fp Cisl).

San Giovanni in Fiore, parlano i sindacalisti

«Nonostante le reiterate richieste e solleciti, l’amministrazione comunale ha disatteso ogni proposta formulata dalle organizzazioni sindacali in merito all’utilizzo delle risorse assunzionali nonché ha utilizzato personale esterno con qualifiche superiori all’inquadramento previsto all’interno di uffici dove già operava personale comunale ed adeguatamente formato e qualificato per svolgere la mansione “esternalizzata”» si legge in una nota.

Sotto accusa l’amministrazione comunale

«Ad essere messa in discussione è l’intera gestione del personale portata avanti dall’amministrazione comunale che dapprima ha agito bypassando ogni confronto con le organizzazioni per poi decidere di convocare il sindacato due mesi dopo una delibera già pubblicata. Numerosi, infatti, sono stati gli spostamenti del personale in settori diversi senza il rispetto delle mansioni, dei ruoli e senza le comunicazioni previste dalla normativa» dichiarano i sindacalisti.

San Giovanni in Fiore, le richieste dei sindacati

Le organizzazioni sindacali sollecitano la revoca di tutti gli atti adottati in violazione delle procedure dei regolamenti vigenti e in alcuni casi con demansionamento auspicano che, al fine di garantire servizi efficienti alla collettività, l’Ente incrementi le ore alle professionalità a tempo parziale già presenti all’interno del Comune in quanto portatori di competenze maturate nel tempo. Per tali motivazioni, Uil Fpl, Fp Cgil, Fp Cisl chiedono un intervento urgente al prefetto di Cosenza al fine di ristabilire corrette relazioni sindacali e di avviare la procedura di raffreddamento e conciliazione ex art 2, c 2, L.146/90 come modificata legge 83/2000.