giovedì,Dicembre 2 2021

Uccise Francesco Augieri, aumentata la pena a Schiattarelli: la sentenza

La Corte d'Appello di Catanzaro ha condannato a 18 anni di carcere il giovane napoletano che nel 2018 accoltellò il ragazzo di Cosenza

Uccise Francesco Augieri, aumentata la pena a Schiattarelli: la sentenza

Diciotto anni di carcere. E’ la pena inflitta dai giudici della Corte di Appello di Catanzaro a Francesco Schiattarelli, il 22enne campano accusato dell’omicidio di Francesco Augieri, lo studente di Cosenza accoltellato e ucciso nella notte tra il 22 e il 23 agosto 2018 in piazza Padre Pio a Diamante. La pena dei giudici catanzaresi è stata leggermente inasprita rispetto a quella inflitta in primo grado, che invece prevedeva una condanna a 16 anni.

Omicidio Francesco Augieri, la morte per una spinta

Il giovane accusato dell’omicidio, pur ammettendo di aver preso parte alla rissa, si è sempre dichiarato innocente, ma per i giudici, invece, sarebbe stato lui a sferrare il colpo mortale. La lite, oltretutto, sarebbe nata per futili motivi. Secondo la ricostruzione ufficiale, tutto sarebbe nato quando un amico della vittima, intento a recarsi al distributore di sigarette, sarebbe stato urtato alla spalla da un giovane, probabilmente Schiattarelli, che si trovava in compagnia di amici.

Dopo la spinta, sarebbero volate offese e insulti e uno dei ragazzi avrebbe estratto un coltello, ferendo a un gluteo il rivale. Quest’ultimo, per vendicare l’affronto, sarebbe corso a chiamare l’amico, Francesco Augieri, seduto in un bar. La tragedia si è consumata quando i due gruppi rivali si sarebbero incontrati poco dopo all’altezza della piazzetta Padre Pio. Augieri sarebbe poi morto per le gravi ferite riportate, nel tentativo di raggiungere l’ospedale in ambulanza.