domenica,Gennaio 23 2022

Vigili del fuoco di Cosenza, la denuncia dell’Usb: «Il dirigente garantisca a tutti il lavoro agile»

Il sindacato chiede che si dia seguito alle indicazioni operative del capo dipartimento volte a contenere la diffusione dei contagi da Covid

Vigili del fuoco di Cosenza, la denuncia dell’Usb: «Il dirigente garantisca a tutti il lavoro agile»

«Il capo dipartimento dei Vigili del fuoco ha dato indicazioni operative ed organizzative al fine di permettere al personale tecnico ed amministrativo del Comando di Cosenza di poter proseguire con il lavoro agile almeno due giorni a settimana, il tutto per contenere la diffusione del virus da Covid-19 e le varianti Delta prima e Omicron adesso. Il dirigente locale ing. Rizzo non garantisce i due giorni a settimana di lavoro agile, anzi organizza il lavoro anche con i rientri pomeridiani». A denunciarlo, in una nota, è il Coordinamento provinciale dell’Usb Vigili del fuoco di Cosenza.

«Lo stato di emergenza nazionale – prosegue – è stato prorogato fino al 31 marzo 2022, visto la grave situazione che stiamo vivendo anche nella nostra provincia, visto che al dirigente Rizzo forse sarà sfuggita la grave situazione anche provinciale, visto che lo stesso ignora le nostre note sindacali chiediamo a gran voce attraverso il prezioso lavoro di informazione di stampa di estendere il lavoro agile a tutti i dipendenti giornalieri del Comando provinciale di Cosenza. A tutti i lavoratori vogliamo dire grazie visto che attraverso il lavoro agile, già svolto per oltre un anno, non hanno creato nessun arretrato di lavoro. Bisogna estendere – conclude – il lavoro agile e prevenire i contagi prima che possa collassare il soccorso dei Vvf ai cittadini».