sabato,Agosto 13 2022

Covid, la Regione Calabria organizza altri Open vax school: ecco i centri nel Cosentino

Verranno somministrate esclusivamente dosi pediatriche, adatte la fascia 5-11 anni, diverse da quelle appropriate a tutti gli altri soggetti

Covid, la Regione Calabria organizza altri Open vax school: ecco i centri nel Cosentino

«I risultati delle prime due giornate non solo hanno rispettato le attese, ma, per di più, hanno creato quell’effetto entusiasmo nelle famiglie e nelle Comunità che volevamo creare. Di conseguenza abbiamo nuovamente mobilitato il Sistema Regione in tutte le sue componenti per dare immediata continuità. E alziamo il ritmo: passiamo a 3 giorni di vaccini open per tutti i bambini calabresi». Parole e passione di Giusi Princi, vicepresidente con delega all’Istruzione, che così annuncia la prosecuzione della campagna di vaccinazione e sensibilizzazione in Calabria per la fascia che ancora rimane la più scoperta, quella scolare pediatrica 5-11 anni.

Le 6mila dosi somministrate nelle scuole già nei giorni 7 e 8 gennaio sono state un gran successo. Ma non basta. Spingere al massimo sull’acceleratore per aumentare in maniera esponenziale il numero di minorenni vaccinati è il diktat del presidente della Regione, Roberto Occhiuto, recepito dall’assessorato, che ha rimesso in moto l’imponente macchina organizzativa già rodata nel weekend appena trascorso.

Obiettivo: garantire un ritorno il più possibile in sicurezza sui banchi di scuola. E dunque, in attesa di passare alla fase-2 che dovrà coinvolgere tutte le 266 scuole estendendo la vaccinazione anche ai ragazzi over 11, la Regione Calabria ufficializza un’altra tranche di Open vax school days per il 13 – 14 – 15 gennaio, stavolta in orari extra scolastici.

Per la prosecuzione dell’iniziativa sono state scelte ben tre date (giovedì, venerdì e sabato) durante le quali potranno essere vaccinati senza necessità di prenotazione tutti i bambini calabresi dai 5 agli 11 anni, a prescindere dal plesso scolastico in cui risultano iscritti. Basterà che i piccoli studenti si presentino muniti di tessera sanitaria e accompagnati da almeno un genitore presso una delle scuole presidio individuate dall’assessorato all’Istruzione della Regione Calabria e qui di seguito riportate:

  • Liceo “Telesio” Cosenza
  • Liceo “Moro” Praia a Mare
  • ITI “Fermi” Castrovillari
  • LS – IPSC – IPSIA – ITI Cariati
  • Istituto “Vittorio Emanuele” Catanzaro
  • IS “Malafarina” Soverato
  • Liceo “Campanella” Lamezia Terme
  • IC “Alcmeone” Crotone
  • IC “Vittorio Alfieri” Crotone (solo giorno 14)
  • Convitto “Filangieri” Vibo Valentia (giorni 13 e 14)
  • IC “Vespucci” Vibo Marina (giorni 15 e 16)
  • IC Fabrizia (plesso di Mongiana)
  • Liceo “Volta” Reggio Calabria
  • IC “De Amicis” Reggio Calabria
  • IC “Giovanni XXIII” Villa San Giovanni
  • IIS “Pizi” Palmi IIS “Severi” Gioia Tauro
  • Liceo “Zaleuco” Locri

Queste scuole fungeranno da polo per il rispettivo circondario. L’attività di somministrazione sarà assicurata nella fascia oraria pomeridiana, dalle 14:30 alle 18:30. Si precisa che verranno somministrate esclusivamente dosi pediatriche, adatte la fascia 5-11 anni, diverse da quelle appropriate a tutti gli altri soggetti.

«Tutto ciò non sarebbe possibile senza la grande sinergia che si è instaurata tra Ufficio scolastico regionale, Aziende sanitarie provinciali, Protezione civile, Esercito, Ordine dei medici di Reggio Calabria e Associazioni di volontariato – precisa e conclude il vicepresidente Princi -. Sono certa che la Calabria risponderà di nuovo con forza, continuando a essere tra le Regioni che garantiscono un ritorno sui banchi in maggiore sicurezza, grazie ad un alto numero di vaccinazioni somministrate agli under 12. Sensibilizzazione ma soprattutto concreta azione a tutela della salute dei minori. Lo dobbiamo ai più fragili, alle famiglie, a noi stessi».

Dopo questo ulteriore impulso, la Regione Calabria non intende rallentare la sua azione: dalla prossima settimana si passerà infatti alla fase-2 coinvolgendo tutte e 266 scuole calabresi che hanno aderito all’iniziativa, organizzandole in modo tale da vaccinare in loco ciascuna i propri studenti.

Articoli correlati