mercoledì,Agosto 10 2022

Covid, a Corigliano-Rossano le disposizioni di quarantena verranno comunicate via sms

Emanata l'ordinanza che cambia le procedure. Il sindaco Stasi: «Si tratta del primo provvedimento in Calabria che va in questa direzione»

Covid, a Corigliano-Rossano le disposizioni di quarantena verranno comunicate via sms

A Corigliano-Rossano le disposizioni di quarantena dovuta al Covid e di revoca saranno comunicate dal Centro operativo comunale tramite un sms. È quanto fa sapere il sindaco della città ionica, Flavio Stasi, che afferma: «In altre regioni i Comuni non intervengono nemmeno nella gestione delle quarantene e delle revoche, comunicate direttamente dalle Aziende sanitarie». Ieri, dunque, il Comune ha emanato l’ordinanza con cui modifica il processo «adeguandoci quindi – continua Stasi – a sistemi già abbondantemente utilizzati nel resto del Paese, sia per la gestione delle comunicazioni relative alla fase pandemica, ma anche per comunicazioni ordinarie»

«Si tratta – aggiunge – della prima ordinanza in Calabria che va in questa direzione, un atto che ritengo necessario per adeguare il nostro Comune alla efficienza di altri territori italiani e, più in generale, per provare ad indirizzare anche le istituzioni extra-comunali in tal senso, convinto che sia necessario limitare al massimo i tanti disagi generali già causati dalla pandemia. Di concerto con il Dipartimento Prevenzione, in queste ore sarà attuato un diverso protocollo di comunicazione tra gli uffici sanitari ed il Centro operativo della Protezione civile, basato esclusivamente su dati elettronici».

«L’ordinanza – conclude – ha efficacia immediata; tale modalità di comunicazione sarà attuata progressivamente per consentirne la corretta applicazione. Da questo punto di vista, ovviamente, è necessario che i cittadini che si sottopongono a tampone in uno dei luoghi stabiliti dalle disposizioni regionali (Asp, farmacie, laboratori, medici ecc.) forniscano recapiti corretti. Per quanto riguarda le revoche, si applicheranno le nuove modalità previste dall’ordinanza del presidente della Giunta regionale n. 5 del 10 gennaio 2022».