domenica,Gennaio 23 2022

Scuola, Giannelli: «Autotest Covid? Sarebbe come lanciare monetina»

Il presidente dell'Associazione nazionale presidi: "Tornare in classe senza tampone se asintomatici? Se la nostra Autorità sanitaria lo riterrà possibile, sarò lieto di prenderne atto"

Scuola, Giannelli: «Autotest Covid? Sarebbe come lanciare monetina»

In piena ondata trainata da Omicron, il governo francese ha autorizzato gli autotest per diagnosticare casi di Covid tra gli alunni, con il doppio obiettivo di semplificare la vita delle famiglie ed evitare le chiusure delle scuole. In Italia si sta pensando alla stessa soluzione, come avviene già in Francia, Inghilterra e Germania, ma c’è chi nutre dei dubbi sull’affidabilità di questi test. “Mi rimetto alla valutazione dei medici italiani. Finora hanno detto che sono affidabili al 50%, dunque è come buttare la monetina. Inutile continuare a prendere esempio da pratiche estere, non convalidate dalle nostre autorità”. Lo dice il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli che rispondendo all’Adnkronos sulla possibilità, come in Svizzera, di tornare in classe senza tampone se asintomatici da almeno 48 ore (ma anche dopo almeno 5 giorni dalla positività), afferma: “Questa è un’altra questione. Se la nostra Autorità sanitaria lo riterrà possibile, sarò lieto di prenderne atto. Sono per lo snellimento delle procedure in pandemia, ma non se comportano rischi”.

“Sugli auto test l’affidabilità è bassa, dunque io tendo a non fidarmi. Altrimenti, certo, lo strumento potrebbe essere utile”, spiega il sindacalista. Tra l’altro, “ci sono alcuni punti critici: come si fa ad esser sicuri che il test sia stato eseguito correttamente? Inoltre c’è il problema del controllo dell’attestazione del test. L’auto-valutazione è del tutto estranea alla nostra cultura”, conclude.

fonte: Adnkronos