martedì,Agosto 9 2022

Finge di vaccinare due no vax: arrestata infermiera di 58 anni

Secondo quanto emerso dalle indagini, la donna versava la dose vaccinale in un quadrato di garza e faceva la finta iniezione

Finge di vaccinare due no vax: arrestata infermiera di 58 anni

Arrestata infermiera dell’hub vaccinale Fiera del Mediterraneo per falso ideologico e peculato. Secondo la Digos di Palermo, la donna durante un turno di servizio avrebbe finto di somministrare il vaccino anti-covid a due coniugi No vax. Nelle scorse settimane era finita ai domiciliari un’altra infermiera con le stesse accuse. L’infermiera, posta ai domiciliari, ha 58 anni e lavora nel Reparto malattie infettive dell’ospedale Civico di Palermo.

Palermo, infermiera finge di vaccinare due no vax: le indagini

Secondo gli investigatori, oltre a fingere di vaccinare la coppia No vax, ora indagata per concorso in falso e peculato, avrebbe finto di aver ricevuto la dose booster del vaccino grazie alla complicità della collega fermata a dicembre. Dalle indagini emerge come il sistema usato dalla Camarda sia lo stesso della collega: versare la dose vaccinale in un quadrato di garza e fare la finta iniezione.

Palermo, infermiera sospesa: parla Nino Amato

«L’arresto di un’altra infermiera coinvolta nell’inchiesta sulle finte vaccinazioni all’Hub della Fiera di Palermo è un ennesimo fatto gravissimo e sconcertante, che noi stigmatizziamo e condanniamo e verso il quale saremo inflessibili». Così il presidente dell’Ordine degli Infermieri di Palermo, Nino Amato. «Abbiamo già sospeso la prima infermiera arrestata e gli altri due sotto inchiesta per i maltrattamenti nella casa di cura di Castelbuono e anche per quest’ultima sarà avviato l’iter propedeutico alla sospensione. Abbiamo agito e agiremo – dichiara – sempre col massimo rigore e con ogni strumento possibile contro chi si macchia di reati simili e verso chiunque leda l’immagine di professionisti seri e competenti».

Da rimarcare che, essendo il procedimento penale nella fase delle indagini preliminari, l’indagata è da considerare presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Articoli correlati