domenica,Maggio 22 2022

Covid, Rasi: «L’Italia è in piena ondata, ma gli ospedali reggono»

Il consulente del commissario per l'emergenza Covid: "Non ci sono segnali di peggioramento imminente e potremmo aver raggiunto il plateau"

Covid, Rasi: «L’Italia è in piena ondata, ma gli ospedali reggono»

“L’Italia è in piena ondata con 200mila contagi” Covid “al giorno, gli ospedali però reggono”. Lo spiega all’Adnkronos Salute Guido Rasi, consulente del commissario per l’emergenza Covid, generale Francesco Paolo Figliuolo, e direttore scientifico di Consulcesi, facendo il punto della situazione epidemiologica.

“Il Regno Unito è difficile da decifrare perché in pochi giorni passano dal calo dei casi a chiamare 200 militari negli ospedali e poi dicono che le cose vanno bene. Non userei quel Paese come indicatore. L’Italia è in piena ondata con 200mila contagi” Covid “al giorno, gli ospedali però reggono. E’ presto per dire se si vede la luce alla fine del tunnel, aspettiamo 3 settimane. Non ci sono segnali di peggioramento imminente e potremmo aver raggiunto il plateau, ma sappiamo anche che i numeri dei contagi sono sottostimati. Insomma, siamo sulla cresta dell’onda e con un po’ di cautela fra 3 settimane capiremo se ne siamo fuori”.

Tra i temi discussi in questi giorni, il ‘format’ e la frequenza del bollettino covid, attualmente quotidiano. “Serve spiegare il perché delle cose. La questione non è di dare più o meno dati, ma se questi devono essere informazioni e non numeri”, dice Rasi.

“Il pubblico – sottolinea – ha imparato cosa vogliono dire i numeri del bollettino, quindi lo terrei, ma effettivamente con Omicron si perde il significato dei positivi. Si può quindi ragionare se può avere un valore aggiungere un commento ai numeri”.

fonte: Adnkronos

Articoli correlati