sabato,Maggio 28 2022

Via Roma, il Consiglio d’Istituto della scuola fa le barricate. Mozione e punzecchiature a Caruso

Documento critico verso l'amministrazione prodotto dal plesso della scuola elementare “Plastina-Pizzuti”: «La decisione su Piazza Rodotà sottrae ai bambini e alle bambine ddi Cosenza un luogo di socialità»

Via Roma, il Consiglio d’Istituto della scuola fa le barricate. Mozione e punzecchiature a Caruso

Se sul web, senza scomodare troppo De Andrè, le contromisure fino a questo punto si sono limitate all’invettiva, ma negli istituti scolastici di Via Misasi si è passati alle vie di fatto. Lo scorso venerdì 21 gennaio si è riunito il Consiglio dell’Istituto Comprensivo “Via Roma – Spirito Santo” per ciò che concerne il plesso della scuola elementare “Plastina-Pizzuti” ed è stato prodotto un documento di chiaro indirizzo politico. Il pomo della discordia riguarda la recente delibera della Giunta di Palazzo dei Bruzi sulla modifica della viabilità cittadina. La distruzione di Piazza Rodotà e la riapertura al traffico dell’arteria stradale incontra la strenua resistenza di genitori e dirigenti scolastici. Avevano già manifestato in passato, oggi invece stigmatizzano la decisione e reclamano un incontro con il sindaco Franz Caruso.

«Coinvolgere comunità scolastica e di quartiere»

Innanzitutto si auspica «un tavolo di confronto urgente in merito alla volontà di smantellare l’isola pedonale di Piazza Rodotà». «Il Consiglio di Istituto, raccogliendo l’opinione di molte famiglie e genitori – scrivono – chiede che la comunità scolastica e di quartiere sia coinvolta nei processi che portano a provvedimenti che riguardano la vita collettiva e i cittadini più giovani». Nella mozione i rappresentati non vanno tanto per il sottile e descrivono l’indirizzo preso dall’amministrazione come qualcosa che «sottrae ai bambini e alle bambine della nostra città un luogo vissuto, un luogo di socialità e di relazioni». Più in generale lamentano che «non ci sia stato il tempo e soprattutto la volontà del confronto e lo spazio dell’ascolto».

Punzecchiature a Franz Caruso

Nel documento non si risparmia Franz Caruso («sindaco anche di chi non lo ha votato»). A dire del Consiglio dell’Istituto Comprensivo “Via Roma – Spirito Santo” c’è una contraddizione tra le parole pronunciate in campagna elettorale («voler investire sugli spazi di aggregazione all’aperto») con la questione dell’isola pedonale di Piazza Rodotà. «Convergono due problemi – chiude la mozione -. Uno è relativo al metodo, vale a dire la costruzione partecipata delle decisioni pubbliche che riguardano i cittadini più giovani, e l’altro relativo alla pratica, smantellando di fatto uno spazio che è diventato luogo di aggregazione e di socialità dei bambini della scuola e dell’intero quartiere.  Siamo certi che il sindaco, che ha sempre dimostrato grande sensibilità verso i temi educativi e grande slancio verso un approccio metodologico fondato sul confronto, saprà accogliere questo appello e saprà porsi in ascolto delle cittadine e dei cittadini tutti, anche quelli più giovani».