mercoledì,Giugno 29 2022

Vaccino covid e quarta dose, Magrini: «Ci sarà solo un richiamo annuale»

Il direttore generale dell'Aifa sulla durata dell'immunità: «Dovremo forse fraternizzare anche con quello». Novavax in arrivo il 24 febbraio

Vaccino covid e quarta dose, Magrini: «Ci sarà solo un richiamo annuale»

“Non ci sarà una quarta dose del vaccino anti-Covid ma un richiamo, speriamo annuale, e dovremo fraternizzare anche con quello.” Lo ha detto Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, precisando che “l’efficacia di questi vaccini è andata anche meglio del previsto”. Rispondendo a una domanda sulla durata dell’immunità dei vaccini ha aggiunto: “il dato è molto a favore, confortante”.

“L’efficacia di questi vaccini – ha sottolineato il Dg – è andata anche meglio del previsto”, in quanto “sono stati scoperti così in fretta. Il dato degli studi in base ai quali sono stati registrati è stato del 95% di efficacia e che è stato confermato in molti Paesi nel primo trimestre di utilizzo reale”. “C’è stata poi una lenta graduale perdita di efficacia nel secondo trimestre – afferma ancora Magrini – che ci ha portato all’idea della dose booster che ormai abbiamo ampiamente fatto, anche per una variante che l’ha parzialmente ridotta”. “Dunque a livello globale – ha evidenziato – la comunità scientifica, ha concordemente visto lo straordinario beneficio di questi vaccini”.

VACCINO NOVAVAX IN ARRIVO IL 24 FEBBRAIO

Il vaccino anti-Covid dell’americana Novavax “è in arrivo, dovrebbe arrivare il 24 di questo mese e cominciare ad essere disponibile. E’ un vaccino proteico, come quelli antinfluenzali. Sarà una piccola integrazione. Noi abbiamo vaccinato prevalentemente con i due vaccini a mRna su cui non c’è da avere alcun dubbio rispetto al Dna e alle interferenze geniche, genetiche o perfino di fertilità. Questo vaccino dunque, per alcuni che sembrano preferirlo, sarà presto un’opzione per un milione o due di persone che volessero comunque vaccinarsi, perché è importante”, dice ancora Magrini. Quanto poi al vaccino della francese Valneva, ha aggiunto, “si tratta di un vaccino ancora più classico, inattivato, e forse anche più vecchio come tecnologia, che arriverà più avanti”.

fonte: Adnkronos

Articoli correlati