mercoledì,Agosto 17 2022

Regione Calabria, Laghi sul tema dei rifiuti: «Si intervenga nell’interesse dei cittadini»

Auditi in commissione ambiente, il Direttore del Dipartimento Ambiente, Comito e il Presidente dell’ATO di Cosenza, Manna

Regione Calabria, Laghi sul tema dei rifiuti: «Si intervenga nell’interesse dei cittadini»

«Un tema come quello dello smaltimento dei rifiuti avrebbe richiesto certamente maggior tempo». Così Ferdinando Laghi, consigliere regionale di De Magistris Presidente, in merito all’argomento trattato dalla quarta Commissione Consiliare riunitasi in aula “A. Acri” nella mattinata del 3 marzo a Palazzo Campanella, alla presenza del Presidente, Pietro Raso, del Dirigente generale del Dipartimento Tutela del Territorio e dell’Ambiente della Regione Calabria, Gianfranco Comito e del Presidente dell’ATO Cosenza, Marcello Manna. L’intervento di Laghi si è soffermato sulle grosse criticità che tuttora persistono nel PRGR, ovvero il Piano Regionale Gestione Rifiuti della Regione Calabria.

Tra gli aspetti maggiormente criticabili c’è l’incongruità dell’identificazione degli ATO con i territori delle 5 province calabresi, stante la grande diversità di estensione e di orografia dei territori provinciali. Un’altra criticità è legata all’idea di prevedere un singolo “ecodistretto” per ciascun ATO, per via proprio di questa eterogeneità di estensione ed orografica degli Ambiti Territoriali Ottimali. Il che si pone in evidente contrasto con il Principio di Prossimità del Testo Unico Ambientale che ha lo scopo di ridurre il più possibile la movimentazione dei rifiuti.

Ulteriore problematica, poi, è quella relativa allo smaltimento della Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani, ovvero la FORSU, attraverso la Digestione Anaerobica finalizzata alla produzione di Syngas, “upgradato” poi a biogas. La combustione in loco, piuttosto che a distanza, incrementa i processi di combustione che sono alla base dell’inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici.

Per Laghi il Piano attuale riprende sostanzialmente l’impianto organizzativo e tecnico complessivo del precedente e, di conseguenza, anche gli errori di impostazione dello stesso, che hanno impedito una risoluzione dei problemi relativi allo smaltimento degli RSU – i Rifiuti Solidi Urbani – nella nostra Regione. «Le responsabilità dei problemi derivanti dall’errato smaltimento dei rifiuti non sono delle popolazioni, ma sono responsabilità politiche che vanno avanti dal 1997. L’organizzazione dello smaltimento, attraverso piani regionali che sono inadatti e inadeguati, non va nell’interesse delle popolazioni né economico, né di tutela della salute: questi piani tutelano ben altri interessi. Bisogna cambiare strada e decidere con i territori, fare delle scelte che abbiano come obiettivi prioritari la soluzione del problema, il rispetto dei cittadini calabresi in particolare della loro salute, dei loro interessi economici e dell’ambiente in cui vivono».

Articoli correlati