mercoledì,Giugno 29 2022

Da Cetraro alla Serie A bulgara: nuova avventura per il preparatore Lanza

Il preparatore dei portieri è volato in Bulgaria insieme al nuovo tecnico della squadra, l'ex numero 1 del Napoli Gennaro Iezzo.

Da Cetraro alla Serie A bulgara: nuova avventura per il preparatore Lanza

C’è anche un preparatore dei portieri di Cetraro nello staff che ha seguito l’ex portiere del Napoli, Gennaro Iezzo, al Botev Vratsa, squadra della massima serie bulgara che sta provando ad evitare la retrocessione in seconda divisione. Si tratta di Daniele Lanza, una vita tra i pali prima di intraprendere la carriera da preparatore.

Da Cetraro alla Bulgaria

Daniele Lanza, dopo le giovanili con la maglia del Rende, è protagonista per tanti anni nei campionati dilettantistici calabresi. Durante tante stagioni ha difeso le porte di Cassano, San Fili, Cetraro, Scalea, Praia, Verbicaro, Montalto, Belvedere, Paolana tra le altre tra Serie D e Prima Categoria. Il classe 1980 di Cetraro, subito dopo la fine della sua carriera in campo, ha iniziato immediatamente quella da preparatore. E negli anni scorsi ha maturato importanti esperienze con il settore giovanile del Cosenza, il Castrovillari in Serie D ed il Rende in Serie C. L’estate scorsa ha invece iniziato la stagione come preparatore dei portieri tra le fila del PraiaTortora, in Promozione. Poi due giorni fa la chiamata di Iezzo tramite l’agente Riccardo Napolitano dell’Universal Group, altro cetrarese tra l’altro, con la proposta di andare in Bulgaria. Detto fatto. In poche ore Lanza ha preparato le valigie ed è partito per Sofia. Da lì il trasferimento a Vratsa dove da ieri ha iniziato a torchiare i portieri della squadra.

Opportunità importante

Lanza, così come Iezzo ed il resto dello staff, ha firmato per ora un contratto fino alla fine di questa stagione. Con l’accordo di prolungamento in caso di salvezza anche per l’anno prossimo. Si tratta sicuramente di una grande opportunità per il preparatore cetrarese che proverà insieme agli altri a salvare dapprima il Botev dalla retrocessione e poi a portare in alto il suo nome e quello della sua città anche in un posto così lontano come la Bulgaria.

Articoli correlati