sabato,Maggio 28 2022

Covid, ancora Cosenza la provincia con più contagi: 513 nelle ultime 24 ore e un morto

Tanti anche i guariti nel nostro territorio: sono 1.850. In tutta la Calabria 1.212 nuovi casi, con un tasso di positività del 18%: ecco i dati del bollettino

Covid, ancora Cosenza la provincia con più contagi: 513 nelle ultime 24 ore e un morto

Sono 513 i nuovi contagi nella provincia di Cosenza, dove si registra anche un decesso, secondo quanto riportato dal bollettino odierno della Regione Calabria. Per quanto riguarda i posti letto, scende la pressione in area medica (-2) mentre sale in Terapia intensiva (+1). Le guarigioni sono 1.850.

A livello calabrese, si contano 1.212 nuovi contagi a fronte di 6.525 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore, con un tasso di positività del 18,57%. Non si registrano altri decessi oltre a quello del Cosentino. Sul fronte dei posti letto, in tutta la regione scende la pressione in area medica (-6) mentre sale nelle Terapie intensive (+1). I guariti sono in tutto 2.580.

A livello provinciale, oltre a Cosenza, i nuovi positivi sono così localizzati: 397 Catanzaro, 296 Reggio Calabria, 53 Vibo Valentia, 35 Crotone, 8 fuori regione.

In Calabria, ad oggi, le persone risultate positive al Coronavirus sono 374.647, i morti sono in tutto 2.545.

Ecco i dati per provincia:

– Catanzaro: casi attivi 6.118 (64 in reparto, 6 in terapia intensiva, 6.048 in isolamento domiciliare); casi chiusi 51.150 (50.857 guariti, 293 deceduti).

– Cosenza: casi attivi 37.400 (68 in reparto, 3 in terapia intensiva, 37.329 in isolamento domiciliare); casi chiusi 59.906 (58.832 guariti, 1074 deceduti).

– Crotone: casi attivi 2869 (15 in reparto, 0 in terapia intensiva, 2.854 in isolamento domiciliare); casi chiusi 35.632 (35.407 guariti, 225 deceduti).

– Reggio Calabria: casi attivi 5.800 (50 in reparto, 2 in terapia intensiva, 5.748 in isolamento domiciliare); casi chiusi 134.152 (133.382 guariti, 770 deceduti).

– Vibo Valentia: casi attivi 17.417 (18 in reparto, 0 in terapia intensiva, 17.399 in isolamento domiciliare); casi chiusi 21.682 (21.512 guariti, 170 deceduti).