mercoledì,Giugno 29 2022

L’Antigone di Sofocle incanta la platea del Rendano che fa il pienone – VIDEO

La messa in scena della celebre tragedia ha attratto centinaia di spettatori nonostante la città fosse incollata agli schermi o allo stadio per il match salvezza del Cosenza

L’Antigone di Sofocle incanta la platea del Rendano che fa il pienone – VIDEO

Il sipario del Rendano di Cosenza si è aperto sull’Antigone, messo in scena dalle Officine Teatrali Telesiane, prodotto in collaborazione con il Dipartimento di studi umanistici dell’Università della Calabria, per la regia di Antonello Lombardo. In cartellone già nel maggio del 2020, poi annullato causa pandemia, l’atteso appuntamento con la tragedia di Sofocle si è concretizzato sul palco del teatro di tradizione lo scorso 20 maggio, riuscendo ad attrarre quasi settecento spettatori nonostante la concomitanza con lo spareggio salvezza del San Vito-Marulla.

43 i ragazzi impegnati nella rappresentazione, tra alunni di Casa Telesio, quindi di scuola elementare e media e del liceo classico, fino ad alcuni ex studenti ora iscritti all’ateneo di Arcavacata. Di livello la performance offerta al pubblico, anticipata anche in un matinée per le scuole. Applausi e consensi riscossi confermano l’attrattività dei testi classici e la capacità di coniugare gli studi con la passione per la recitazione.
Antonello Lombardo, direttore artistico delle Officine Teatrali Telesiane, è stato coadiuvato dai docenti Pierluigi Pedretti e Flavio Nimpo: «Ripartire dopo la pandemia è stata una sfida – ha detto il dirigente Antonio Iaconianni – Abbiamo registrato l’inizio di un nuovo tempo di speranza, particolarmente per questi giovani che credono nei valori della classicità e si affidano al nostro migliore passato, alle nostre più salde radici, per costruire percorsi di ottimismo verso il futuro».