venerdì,Luglio 1 2022

L’allarme dell’Usb: «La salute dei dipendenti di Ecologia Oggi è a rischio»

La sigla sindacale evidenzia alcune criticità e chiama in causa l'amministrazione comunale di Cosenza affinché intervenga per risolvere questo problema

L’allarme dell’Usb: «La salute dei dipendenti di Ecologia Oggi è a rischio»

«In data odierna abbiamo provveduto ad inoltrare formale richiesta alla Ecologia Oggi S.P.A. al fine di ricevere chiarimenti in merito ad una serie di disposizioni inerenti l’organizzazione aziendale interna. In particolare, chiediamo si intervenga al più presto sulla questione relativa alla turnazione dei dipendenti addetti allo spazzamento manuale in orario pomeridiano. Il servizio è intensificato propri nei periodi estivi, in cui, date le temperature torride, sarebbe opportuno che si svolgesse nelle prime ore del giorno», si legge in una nota dell’Usb Cosenza, settore Igiene Ambientale.

Nel merito, ci preme rammentare che la scrivente O.S. aveva, con ampio anticipo, fatto presente a Ecologia Oggi S.P.A. la necessità di modificare i turni lavorativi in vista dell’arrivo della stagione estiva e del conseguente aumento delle temperature. Inoltre, è stato richiesto esplicitamente alla società di programmare i turni per le prime ore del mattino, nell’interesse della salute dei dipendenti, quindi della società stessa».

«Ecologia Oggi S.P.A. voglia tener presente che addirittura il Ministero della Salute si è premurato di diffondere una serie di indicazioni per prevenire e salvaguardare la salute di chi lavora, disponendo, testualmente, che “nei giorni a elevato rischio ridurre l’attività lavorativa nelle ore più calde (dalle 14.00 alle 17:00) e programmare le attività più pesanti nelle ore più fresche della giornata”» afferma l’Usb.

«Pertanto, chiediamo all’amministrazione comunale di Cosenza di vigilare e intervenire in questa annosa problematica affinché venga abolito, a meno di prescrizioni straordinarie, il turno pomeridiano nel periodo estivo, per tutto il personale che opera nei settori che prevedono mansioni manuali, nonché fortemente dimezzato nei settori meccanizzati, eventualmente andando in deroga anche al capitolato di appalto. I lavoratori del servizio di igiene ambientale meritano di essere rispettati sempre e non valorizzati solo nel momento in cui serve svolgere interventi straordinari, prima e in seguito alle campagne elettorali» conclude l’Usb.

Articoli correlati